Che fine fanno i rifiuti tecnologici?

Scritto da il 7 dicembre 2011 in AMBIENTE - Nessun commento

I nostri PC, stampanti, telefonini che non usiamo più, sono stati definiti “armi di distruzione di massa” in quanto troppo spesso finiscono in Africa a causa delle discariche abusive e dell’incuranza di noi cittadini “tecnogicamente avanzati”.

Il problema, evidenziato da tempo da Greenpeace e da altre organizzazioni ambientali, oltre che da giornali e, recentemente, da Radio RAI 3 (Radio3 Scienza, mercoledì 7 dicembre 2011) costituisce uno dei tanti pericoli che
noi sottovalutiamo sulla vita non solo di bambini africani, ma di tutto il pianeta.
I nostri rifiuti elettronici provocano scorie radioattive e cancerogene (bruciati emettono diossina).
Eppure il traffico dei rifiuti verso il Continente Nero è un affare estremamente conveniente e in mano alla criminalità organizzata.
“Lo stoccaggio e lo smaltimento sono illegali e secondo Greenpeace, che ha condotto uno studio concentrandosi sul caso specifico delle discariche di Accra e Korforiuda, in Ghana, coinvolgono soprattutto i bambini che bruciando le componenti interne delle macchine per recuperarne il rame e l’alluminio, si intossicano con le esalazioni dei roghi intorno ai quali si accalcano senza alcuna protezione e a mani nude.”
Fanno questo lavoro per ricavare due dollari ogni cinque chili di materiale estratto.
“Dai campioni prelevati da Greenpeace dalle discariche è risultata la presenza di vari metalli tra cui piombo (trovato in quantità cento volte superiore alla normale concentrazione nel suolo), cadmio, antimonio e composti organici a base di cloro e bromo, per non parlare di quelle sostanze che si sprigionano dalla plastica bruciata come le diossine.”
Cosa possiamo, e dobbiamo, fare? Mai smaltire i rifiuti elettronici in discariche che non siano rigorosamente controllate, come quelle gestite da Comuni seri (ma purtroppo non sono molti), oppure riportarle al distributore presso cui li abbiamo acquistati, accertandoci di come loro gestiscono il loro riciclo.
Per visionare una galleria di immagini collegarsi qui http://www.ipernity.com/doc/58179/9107875/in/album/207153

Lascia un commento