//Un prezioso Manuale Tipografico

Un prezioso Manuale Tipografico

Tallone presenta alla Biblioteca Centrale Nazionale di Roma il Manuale Tipografico IV dedicato all’arte degli incisori, fonditori e stampatori.

L’opera, che verrà presentata a Roma martedì 11 dicembre, esce in concomitanza con diversi anniversari molto ‘speciali’. Nel 2018 ricorrono infatti il 550° della scomparsa di Gutenberg e il 200° del Manuale Tipografico di Bodoni.
Per l’occasione l’Editore Tallone presenta il quarto volume del “Manuale Tipografico” dedicato all’arte degli incisori, fonditori e stampatori in favore dell’estetica.

Filigrane originali

Il prezioso volume, composto a mano e tirato in 265 esemplari, onora il libro nei suoi aspetti materiali e spirituali, descrivendo e mostrando dal vero secoli di civiltà tipografica e cartaria, con reperti originali di filigrane di sei secoli differenti e caratteri originali fusi dal XVIII al XX secolo.
Il Manuale mette in luce il talento di incisori, fonditori e stampatori, capaci di preservare, attraverso tanti delicati passaggi, le forme più vicine agli ideali di bellezza che, nel corso dei secoli, hanno ispirato i grandi creatori di caratteri.
L’Editore Tallone pubblica questo volume ‘sinestetico’, di 208 pagine composte a mano, dove ogni aspetto trattato è suffragato da esempi impressi e dagli inserti originali cuciti nel volume per un esperienza insieme tattile e visiva dell’estetica del libro, a duecento anni dal Manuale Tipografico di Giambattista Bodoni.

Cifre tonde

La complessa redazione e la composizione a mano per mezzo di 360.000 caratteri, fanno sì che il Manuale veda la luce nel 2018, anno in cui ricorrono diversi anniversari.
Ai cinquecentocinquanta anni dalla scomparsa di Gutenberg, e al bicentenario del Manuale Tipografico di Giambattista Bodoni, si aggiungono i centovent’anni dalla nascita di Alberto Tallone, gli ottanta dall’inizio della sua attività editoriale a Parigi, i sessanta dal rientro in patria (ad Alpignano, Torino), i cinquanta dalla scomparsa di Alerto Tallone e il primo anniversario di Bianca Tallone, a cui si deve la continuazione di un ideale.

Il volume è stampato in-folio (cm 37×23) su 208 pagine composte a mano con i caratteri disegnati da Alberto Tallone, incisi da Charles Malin e fusi da Radiguer a Parigi. Le note e le didascalie dei reperti originali sono composte a mano in Garamond Deberny & Peignot.

La titature

I volumi sono stati stampati in diverse modalità.
126 esemplari su velina avorio Magnani di Pescia di puro cotone; 98 esemplari su velina bianca allestita in Sicilia ad Aci Bonaccorsi con; 15 esemplari su vergata e 5 su velina Magnani crème a mano e filigrane originali del 1500, 1600, 1700, 1800, 1900; 8 esemplari su teintée antica Fabriano; 7 esemplari su carta al tino Umbria di Fabriano crème e 6 esemplari bianca. Tutti con filigrane originali delle varie epoche dal 1500 al 1900.

Inserti originali

1. Pagina originale di avviamento tipografico, che mostra come si interviene per regolarizzare la pressione di stampa sulle diverse zone della pagina e sulle singole lettere.
2. Tre filigrane antiche originali rispettivamente del 1700, 1800 e 1900 di provenienza italiana, francese e inglese, identificate per data, luogo e cartiera di produzione. Negli esemplari deluxe sono inoltre incluse filigrane originali del 1500 e del 1600, come specificato in calce.
3. Sei campioni originali di carte Montval e Canson & Montgolfier degli anni 1920, 1930, 1940 e 1950, allestite a Vidalon-Lès-Annonay.
4. Sei campioni originali di carte Magnani del 1800 e 1900, allestite presso l’opificio “Le Carte” sito in Pietrabuona di Pescia.
5. Sei campioni originali di carte Fabriano degli anni 1920, 1930, 1940, 1950, 1960, 1970 e 1980, allestite nello storico stabilimento fondato da Pietro Miliani.
6. Sei campioni originali di carte e filigrane allestite artigianalmente negli Stati Uniti d’America negli anni 1980, 1990 e 2000.
7. Ventisei tonalità di inchiostri neri prodotti in Germania, Italia, Inghilterra e Stati Uniti dagli anni 1930 all’attualità.

filigrana Tallone
Omaggio agli studenti

Agli studenti delle scuole secondarie e post-diploma e in particolare delle scuole grafiche, che parteciperanno sarà offerta in omaggio una poesia composta con 30 caratteri di stile diverso. Dai medievali ai post-moderni, tutti tratti dai punzoni originali dal XVII al XX secolo.
Una rara raccolta che fu oggetto della conferenza all’Istituto Italiano di Cultura di Londra, il 5 dicembre 2017 “Dressing Literature: Psychology and Typeface Design” – How did type design evolve throughout the centuries, between innovations and great classics? Is it possible to make type design today without knowing its history?

I testi e gli autori

1. Maria Gioia Tavoni, Le difficoltà incontrate dai prototipografi nel costruire la pagina a stampa.
2. Pedro M. Cátedra, Ibarra & Bodoni, el artesano y el artista.
3. Enrico Razzini, Origine e composizione del corpus tipografico da cui ebbe inizio l’impresa editoriale di Alberto Tallone.
4. Massimo Gatta, Cher M. Tallone, stampatore italianissimo. L’amicizia tra Charles Malin e Alberto Tallone.
5. Jean-Luc Nancy, Un élève prote.
6. Armando Torno, Elogio dell’elzeviro.
7. Davide Rondoni, Cosa stanno scrivendo gli anni. Poesia dedicata al presente Manuale, composta appositamente.
8. Nicolangelo Scianna, Intrecci di invenzioni e loro sviluppi: dalla filigrana in chiaro a quella in chiaro-scuro.
9. Luigi Manias, Carta a mano: dal mito alla prassi. Le carte Montval, le carte Magnani e le carte Fabriano.
10. Peter Thomas, The revival of handpapermaking in the USA in the late XX Century.
11. Carlo Ossola, Perfections du noir (segue l’omonimo poema di Giuseppe Ungaretti)

Dove:  Biblioteca Nazionale Centrale<br />Viale Castro Pretorio 105, Roma
Quando: martedì 11 dicembre ore 17,30

Il direttore della Biblioteca Nazionale Andrea de Pasquale e l’Editore Tallone invitano all’evento tutti gli appassionati di tipografia,  di cultura grafica e gli studenti.

2018-11-29T21:25:17+00:00novembre 29th, 2018|CULTURA&FORMAZIONE|0 Comments

Leave A Comment