Fisiografia o stampa naturale

Scritto da il 11 febbraio 2010 in GRAFICA&CULTURA - Nessun commento

L’Orto Botanico del Comune di Trieste ha pubblicato il Quaderno numero 10 della sua elegante collezione. QuadernoDieci è dedicato alla stampa naturale calcografica, detta anche fisiografia, una tecnica poco nota ma di profondo interesse culturale e didattico.

Affidato a un esperto qual è l’artista incisore Furio De Denaro, docente all’Università di Trieste, il Quaderno soddisfa egregiamente il compito di pubblicazione divulgativa, ma allo stesso tempo completa e approfondita. Furio De Denaro ha dedicato molte ricerche e molta pratica a questa attività ottenendo interessanti risultati illustrati in quest’opera.

La stampa naturale risale al 1852 a Vienna (anche se esiste un documento che ne attesta la scoperta nel 1848 in Inghilterra) quando l’Autore, Alois Auer Ritter (1813-1869) la presentò all’Accademia Imperiale delle Scienze, quale “invenzione del mezzo di produrre nel modo più pronto ed il più semplice, dall’originale stesso, delle forme di stampa d’erbarj interi, di stoffe, di merletti, di ricami, ed in generale d’ogni sorta di oggetti originali o di copie, per quanto sottili possano essere i loro rilievi e le loro cavità”.

La copertina di QuadernoDieci a cura d Furio De Denaro, edito dal Comune di Trieste

Rilievi e cavità appunto, ché la fisiografia si basa sul concetto dell’inchiostrazione di oggetti naturali (ad esempio foglie, ma anche farfalle) con due metodi: quello incavografico, e quello a stampa alta. E qui Furio De Denaro ci offre tutte le spiegazioni possibili con numerosi esempi, e si comprende perché l’opera sia pubblicata dall’Orto Botanico, trattandosi di un vero e proprio erbario stampato con questa tecnica.

Ma nella ricerca storica non poteva mancare Leonardo da Vinci, nel cui Codice Atlantico si fa un riferimento alla tecnica di “stampare in modo positivo” vale a dire il procedimento per ricavare un’impressione calcografica da una foglia.

Un glossario e un’ampia bibliografia completano il lavoro raccomandabile non solo ad artisti incisori, ma anche alle scuole d’arte e di grafica. Per informazioni: ortobotanico@comune.trieste.it tel 040 360068 www.retecivica.trieste.it

Lascia un commento