Croudsourcing : rivoluzione o fregatura?

Scritto da il 1 novembre 2011 in GRAFICA&CULTURA, Libri - 1 Commento
masse creative croudsourcing

Il libro “Masse Creative” di Stefano Torregrossa cerca di dare le risposte ed è disponibile in free download

Il fenomeno del crowdsourcing creativo si sta imponendo nello scenario della creatività: masse di designer, di ogni livello di professionalità, accettano il rischio di non venire pagati e producono contenuti per grandi brand internazionali. Ne parlano i blogger, ne parlano le aziende, ne parlano magazine e quotidiani. E sempre più brand di portata internazionale (Google, Microsoft, Nestlé, Unilever, Honda, IBM, tanto per citarne alcuni) affidano i propri brief a community con competenze talvolta discutibili che condividono, votano, scambiano, collaborano, commentano. E (quasi) tutti sembrano felici di come funziona il meccanismo. D’altra parte, chi ha fatto del graphic design la propria professione, investendo tempo, risorse e denaro nella propria formazione continua, non può certo applaudire la possibilità di avere, tra i suoi nuovi competitors, anziani pensionati con la passione del computer o ragazzini sbarbati che smanettano in Photoshop. Non si può, insomma, fare l’idraulico di giorno e il direttore creativo la sera (non si può fare nemmeno il contrario, beninteso).

Chi ha ragione, dunque? C’è una fregatura? E se c’è, dove si nasconde?

Il crowdsourcing creativo è davvero una guerra tra poveri? Che fine faranno i graphic-designer professionisti? Quale futuro è possibile per le agenzie di comunicazione?

Il libro “Masse Creative – Il fenomeno crowdsourcing: rivoluzione o fregatura?” di Stefano Torregrossa contiene solo metà delle risposte alle domande. L’altra metà è contenuta nella maniera in cui il libro è stato composto e realizzato: data un’esigenza, interrogare tutti i punti di vista disponibili e lavorare per metterli insieme cercando di ottenere ed estrarre la migliore delle risposte. Una ricerca in crowdsourcing, quindi, sul mondo della creatività user-generated.

Masse Creative” è diviso in quattro capitoli: nel primo si tracciano i confini del fenomeno tentando una definizione; di seguito, appaiono le interviste ai community manager delle piattaforme di crowdsourcing Zooppa e UserFarm; nel terzo capitolo, si lascia spazio alle voci contro il crowdsourcing, in particolare al progetto No-Spec Work; infine, il resoconto dei dati raccolti durante un sondaggio tra gli utenti di Zooppa e il prezioso contributo di Ciro De Caro, il primo in Italia a veder trasmesso in tv il proprio spot dopo aver vinto un contest su UserFarm.

L’intenzione è presentare voci, commenti e opinioni di tutti i soggetti coinvolti: i gestori delle piattaforme di crowdsourcing creativo da una parte, i designer (professionisti o meno) che partecipano ai contest dall’altra; senza dimenticare il mondo dei creativi professionisti che accusa il crowdsourcing di scarsa competenza e poca etica. Il crowdsourcing è un fenomeno in corso, e tale dev’essere oggi ogni suo tentativo di analisi: “Masse Creative” è dunque un libro che propone risposte senza offrirle completamente, è un cantiere aperto, è un appello a nuovi contributi sull’argomento.

Il libro è gratuito in free download a partire da questo indirizzo: www.onicedesign.it

L’Autore: Onice Design / Stefano Torregrossa è graphic designer freelance da quasi 10 anni, musicista e pasticciere dilettante da molto più tempo (ma con meno risultati, bisogna ammetterlo). Insegna “Metodi e Tecniche dei Processi Editoriali” al Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Verona (a.a. 2010/2011). Non ha mai partecipato a un’iniziativa di crowdsourcing creativo. Dal 2008 scrive di grafica, comunicazione e tendenze sul suo blog. Fuma sigarette e ascolta musica che gli altri giudicano inascoltabile. Il suo manuale sulla stampa Gutenberg’s World, oggi alla seconda edizione, è stato scaricato più di 2500 volte e utilizzato per alcune lezioni allo IED di Milano per un Master in Graphic Design Management. Non possiede alcun hardware o software progettato da Microsoft. Collabora con il blog di web e new-media Comunicazioni Positive, con il portale di notizie dal mondo della grafica Draft.it e al progetto Weareopen.it.

1 Commento on "Croudsourcing : rivoluzione o fregatura?"

  1. Inbox Blueprint Reviews 18 ottobre 2013 alle 20:05 · Rispondi

    I have seen many pages that try to overload the visitors with too much information.
    Email campaign software is a great investment for any business.
    Measure the impact that video emailing have versus HTML email marketing.

    My blog post – Inbox Blueprint Reviews

Lascia un commento