Ex libris: AEM dalla nascita a oggi

Scritto da il 21 settembre 2010 in Ex libris, GRAFICA&CULTURA - Nessun commento
AEM Pietro Paolo Tarasco

L’Azienda Elettrica Milanese, il cui storico acronimo AEM è oggi ricordato nella omonima Fondazione, dopo la fusione che ha trasformato la ragione sociale in a2a, celebra i cent’anni dalla nascita con una mostra che sarà realizzata con i lavori inviati dai 218 artisti provenienti da 34 nazioni con ben 483 opere.

La giuria, riunita sabato 4 settembre presso la Casa dell’Energia in Milano e composta da Benoit Junod (Svizzera), presidente, Gian Carlo Torre, Adriano Benzi, Mauro Chiabrando, Dante Fangaresi, Marco Picasso, Biagio Longo e Maurizio Pacciarini in rappresentanza della Fondazione, dopo aver escluso alcuni lavori perché non conformi al regolamento, ha assegnato i premi previsti: premio speciale dedicato agli artisti che presentando 5 opere diverse hanno inteso raccontare la storia dell’AEM in cinque diversi aspetti, il premio alla migliore xilografia e il premio alla migliore opera in calcografia.

Sono stati assegnati i seguenti premi: primo Premio Speciale a Ettore Antonini e tre secondi premi a pari merito a Nino Baudino, Enrique Perico, Petr Bràska. Vengono inoltre segnalati i lavori di: Luigi Casalino, Maurizio Boiani, Giovanni Daprà, E.L. Blumkin, Mariano Kravos, Stefano Ciaponi, Mario Antonio Puppo.

Per la Xilografia, primo premio a Stefania Semolini per un’opera policroma realizzata con la tecnicagiapponese nishiki-e (stampa broccato), secondo premio a Valerio Mezzetti, terzo premio a Fernanda Paulette. Segnalati: Federica Fiorenzani, Marcela Miranda, Osvaldo Jalil, Batura Juciusz Szezesny, Eduardo Manuel Campeld, Fernando Javier Polito, Elio Osler.
Per la calcografia, primo premio a Pietro Paolo Tarasco, secondo premio a Vincenzo Gatti e terzo premio a Hayashi Yukiko. Segnalati i lavori di Nozdrin Yuriy, Lanfranco Lanari, Alberto Zannoni, Tekeshi Katori, Stefano Patrone, Stefano Tonelli, Dino Palleschi, Rolf Fleishmann.

Premi speciali offerti dalla Amministrazione Provinciale di Sondrio e consisente in un soggiorno per due alle Terme di Bormio, sono stati assegnati a: Federica Fiorenzani, Maria Maddalena Tucelli, Paolo Rovegno, e premio speciale per il migliore artista valtellinese a Remo Gatti.

Collegarsi qui per il resoconto completo e il verbale della giuria e per visionare le opere.

Lascia un commento