Comunicazione visiva: eliminare il superfluo

Scritto da il 28 marzo 2012 in GRAFICA&CULTURA - Nessun commento

Diecimilanovecentocinquantasette è il titolo del volume sui 30 anni di attività dello studio grafico ESSEBLU di Milano, che sarà presentato giovedì 19 aprile a Milano, dalle ore 11,30 presso la Mediateca Santa Teresa in via della Moscova 28.

Il volume raccoglie una selezione dei lavori più rappresentativi svolti in trent’anni di attività dallo studio Esseblu avviato nel 1981 a Milano da Susanna Vallebona.
Il ruolo del progetto grafico ha avuto un’evoluzione e, successivamente, involuzione nel tempo. Pensiamo alla lungimiranza di certa imprenditoria negli anni settanta, agli anni ottanta effervescenti di ottimismo, all’ultimo decennio del secolo scorso ubriaco di tecnologia.

Diecimilanovecentocinquantasette: volume sui 30 anni di attività dello studio grafico ESSEBLU

Poi la ricerca della qualità è diminuita e sono diventate prioritarie altre necessità, in primis la velocità, con la conseguente compressione esasperata dei tempi di realizzazione.
Attualmente la comunicazione visiva, specchio della società nella quale opera, vive con ansia i cambiamenti e la trasformazione in atto: consumi contratti e risorse quasi inesistenti devono necessariamente portare il progetto grafico a eliminare il superfluo per riscoprire il suo ruolo naturale di tramite di valore.

Comunicare cultura

Il volume illustra lavori differenti che toccano tutte le specializzazioni della grafica senza privilegiarne alcuna.
Partendo dal presupposto che una forte connotazione in un senso avrebbe, alla lunga, inaridito il proprio percorso creativo, Susanna Vallebona si è dedicata alla ricerca della qualità privilegiando la comunicazione della cultura alla comunicazione del prodotto.
Non tutti i lavori illustrati nel volume sono riconoscibili dal grande pubblico. Alcuni sono comunque di pubblico dominio, come il progetto dello stemma della Provincia di Milano e la sua immagine coordinata, o le locandine di Madre Segreta che per anni hanno accompagnato i viaggi in metropolitana dei milanesi. O come il simbolo della squadra di Hockey “I Diavoli”, progettato trent’anni fa e che fa bella mostra di sé sulla
pista del Palaghiaccio di Sesto San Giovanni.
Progetti spesso condizionati da esigenze altre, ma che comunque rispecchiano il gusto e le modalità di un’epoca.
Accanto ai progetti realizzati su commissione, il libro propone una serie di opere autoprodotte, sculture e tavole a tiratura limitata, che hanno caratterizzato parte dell’attività di Susanna Vallebona, che sempre più vicina alle dinamiche dell’arte e della libera espressione ha aperto nel 2007 SBLU_spazioalbello, uno spazio libero per esporre bellezza che, senza fini di lucro, consente a chi fa ricerca artistica, giovani e non, di trovare visibilità.

Volume stampato da Fontegrafica

Filo conduttore di tutta l’attività illustrata nelle oltre 200 pagine del volume sono la passione e l’amore per il proprio mestiere, che è e rimarrà senza tempo.
Il volume è stampato da Fontegrafica, nota per la qualità delle sue realizzazioni, grazie alla quale ha vinto prestigiosi premi a livello internazionale.
In occasione della presentazione del volume, verrà allestita una mostra che propone alcuni esempi “dal vivo” dei lavori illustrati nel libro, mettendo a confronto esempi di lay-out e esecutivi per la stampa realizzati a mano prima dell’avvento del computer e file digitali creati con le nuove tecnologie, consentendo di conoscere una modalità operativa ormai sconosciuta alle nuove generazioni.

Lascia un commento