//Drupa dopo il terzo giorno

Drupa dopo il terzo giorno

Con questo primo articolo iniziamo il nostro tour in drupa. Avviandoci al termine della prima settimana diamo un breve commento dopo il terzo giorno di fiera.

Per i giornalisti la prima settimana di fiera è caratterizzata dalle conferenze stampa delle principali fornitori di tecnologie. In particolare questi rimi giorni sono stati dominati dai fornitori di stampa digitale. Come abbiamo rilevato da alcuni commenti a caldo, la maggior parte degli annunci sono ‘marketing’. Gli slogan si sprecano e quasi si fa a gara a chi ne inventa di più. A parte questo,abbiamo potuto sentire, più che vedere,diverse innovazioni, alcune già note, altre in anteprima.

Ovviamente, la parte del leone nel giro di notizie l’ha avuta Benny Landa che, a quattro anni di distanza dal lancio della rivoluzionaria Nano tecnologia, ha annunciato con invidiabile teatralità le prime installazioni beta.
Sull’effettiva realtà di questa stampa rivoluzionaria ognuno dice la sua e gli scettici sono in maggioranza: tuttavia la tecnologia c’è, è valida e se diamo tempo al tempo, questa sarà certamente la stampa del futuro peer tutti. Del resto la litografia ha impiegato decenni, per non dire un paio di secoli, per soppiantare la tipografia. La stampa inkjet di drupa 1995 era pessima e pochi avrebbero puntato sul suo futuro.
Intanto Komori la ha adottata con la sua Impremia NS40 a foglio 70/100 da 6500 copie/ora.

XFlex di Omet con metallizzazione nanografica

XFlex di Omet con metallizzazione nanografica

Forse di applicazione più immediata il gruppo di metallizzazione Nano che OMET ha inserito sulla sua XFlex per etichette e packaging flessibile, in sostituzione del foil. Questa è una soluzione di sicuro impatto.
La stampa Nanografia di Landa sarà quindi la tecnologia del futuro per qualità, velocità e costi. Teniamolo presente. E ne riparleremo.

Inkjet

Da parte dei produttori di macchine a getto d’inchiostro grande attenzione al packaging soprattutto in carta e cartone. Tutti i Brand del digitale annunciano novità nel settore e in particolare EFI con la NOZOMI C18000 per cartone ondulato che usa i nuovi inchiostri EFI AquaEndure all’acqua UV LED. La macchina è ora in beta presso uno stampatore in Francia.

In controtendenza CANON punta sulla stampa editoriale e lancia il prototipo di Voyager una inkjet a foglio di altissima qualità per pubblicazioni del lusso. Tuttavia molti segreti dietro questa macchina di cui sappiamo solo che le teste sono una nuova invenzione Canon così come gli inchiostri con goccia da 2 picolitri, quasi nano.

La nuova Voyager di Canon

La nuova Voyager di Canon

Riguardo alle tendenze del packaging in carta e cartone un interessante seminari di SmithersPira sponsorizzato da APP espone le mega tendenze dei consumatori e le opportunità per le industrie. Di questo riferiremo nei particolari con apposito articolo.

Soddisfazione da parte degli espositori che non si aspettavano tanta folla ma soprattutto il grande interesse e la voglia di tornare a investire. Marco Calcagni – presidente ACIMGA – vede un futuro positivo per i produttori italiani di macchine per il converting.

Decorazione e 3D

Molto innovative le tecniche per la stampa decorativa anche in rilievo con inkjet, spesso abbinate alla stampa digitale inkjet, come MGI con Konica Minolta e altri produttori.
Da rilevare, ma da pochi notato, il forte sviluppo della stampa lenticolare, settore in cui al momento dominano gli stampatori statunitensi. Abbiamo seguito la consegna degli Award per la stampa lenticolare, un bellissimo esempio di applicazioni in vari campi: pubblicità, POP, packaging, etichette, grande formato e arte. Una sola azienda italiana- Tre D srl di Catania – tra le nomination.

20160602_094913C’è interesse e curiosità anche intorno alla stampa 3D anche se gli stampatori la guardano con curiosità e interesse ma vogliono capire come potranno utilizzarla. Cercheremo di seguire le innovazioni nei prossimi giorni. Al momento rileviamo che sta riscontrando grande interesse la Massivit macchina di grande formato che utilizza uno speciale gel, che avevamo annunciato su queste pagine e a cui rimandiamo. Allo stand di questa azienda israeliana, rappresentata in Italia da NGT Digital, abbiamo incontrato stampatori – e anche uno italiano di Città di Castello – in cerca di nuove soluzioni alternative e aggiuntive alla tipografia. Stampa 3D anche presso i produttori di macchine digitali, quali HP e Canon.

 

2018-09-13T18:34:30+00:00giugno 2nd, 2016|FIERE|0 Comments

About the Author:

Laureato all'Università di Genova. Giornalista tecnico, da vent'anni nel settore della stampa e arti grafiche; è stato redattore di Rassegna Grafica, direttore di Graphicus; docente al Politecnico di Torino. Attuale direttore di MetaPrintArt.

Leave A Comment