Sulla didattica con iPad

Scritto da il 12 marzo 2014 in FORMAZIONE - Nessun commento

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, questa comunicazione dall’Istituto San Marco di Mestre che riferisce su un importante incontro presso la sede di Apple a Londra sulla sperimentazione didattica con iPad.

Non più di 2 settimane fa il referente Apple per il settore Education con una semplice telefonata invitava l’istituto salesiano San Marco di Mestre per un meeting presso l’Executive Briefing Centre, la sede Apple di Londra.
Il meeting dal titolo “Apple Education Strategic Planning Conference” mirava a riunire alcune delle scuole più coinvolte nella sperimentazione dell’uso dell’iPad nella didattica. Per questo motivo Apple Italia ha pensato di coinvolgere i salesiani, dopo che il progetto iCnos, l’iPad nella formazione, ha raggiunto delle dimensione e dei risultati apprezzati e riconosciuti.

L'incontro delle scuole grafiche presso la sede londinese di Apple

L’incontro delle scuole grafiche presso la sede londinese di Apple

In tutto il territorio nazionale 26 Centri di Formazione Professionale hanno coinvolto più di 2100 studenti e 620 insegnanti nell’uso dell’iPad per accompagnare un cambiamento della didattica in sintonia con il cambiamento tecnologico.
Apple ha visitato l’Istituto San Marco a fine gennaio per conoscere da vicino la sperimentazione in atto, ha parlato con insegnanti e studenti, e di conseguenza ha deciso che una delle tre scuole italiane invitate alla conferenza dovesse essere quella Salesiana di Mestre.
Ecco quindi da dove nasce la nostra partecipazione a due giorni di incontro insieme a circa 20 scuole provenienti da Finlandia, Olanda, Inghilterra, Russia, Grecia, Israele, Emirati Arabi e Svizzera nella splendida sede londinese.

Cambiamento strategico della scuola

Due giorni di incontro per gruppi di lavoro con nazionalità miste, guidati dai referenti del settore Education incaricati di guidare la riflessione sul cambiamento strategico della scuola verso l’innovazione tecnologica, per esplorare le motivazioni di questa evoluzione, per aiutare i singoli Istituti a mettere a fuoco le principali criticità e proporre delle strategie per affrontarle.
Interessante il confronto con le scuole di altri paesi europei coinvolti nella stessa avventura; come spesso succede si trovano grandi punti di condivisione nello spirito educativo e nella centralità dello studente, ognuno con proprie sfumature, ma principalmente orientati alla formazione dei ragazzi e al loro successo formativo.
È stato anche motivante constatare che il lavoro che si sta svolgendo in Italia con il progetto iCnos è in linea con le sperimentazioni in atto in Europa, che per alcuni aspetti legati alla gestione dell’iPad dal punto di vista tecnico, didattico e per i numeri di studenti coinvolti siamo interlocutori interessanti per Apple e per altre scuole straniere con le quali cercheremo di collaborare in futuro.
La sperimentazione porta già qualche buon risultato, motivo in più per sognare una scuola innovativa e moderna per i nostri ragazzi; dopo questa trasferta a Londra troviamo anche nuove idee e nuove energie per continuare il nostro progetto iCnos.

 

Lascia un commento