Dal governo un altro colpo alla cultura (e alla stampa)

Scritto da il 16 luglio 2013 in GRAFICA&CULTURA, MERCATI & AZIENDE - 2 Commenti

Nonostante gli interventi e le promesse di parlamentari alle associazioni di categoria, la miope politica nostrana sferra un altro colpo basso alla cultura.

«Un incremento dell’Iva dal 4 al 21% per tutti gli abbinamenti editoriali (non solo dei gadget, ma anche dei beni che integrano e sono di complemento a libri, quotidiani e periodici e sono pertanto funzionali al loro utilizzo) è un provvedimento illogico, che danneggia i consumi culturali e che ostacola l’integrazione tra i media e l’innovazione
Questa è la valutazione espressa dalle otto Associazioni che compongono la Filiera della Carta e Grafica – Acimga, Aie, Anes, Argi, Asig, Assocarta, Assografici e Fieg – sull’articolo 19 del Decreto Legge n° 63/2013 – attualmente in fase di conversione – che prevede l’aumento dell’IVA dal 4 al 21% sugli abbinamenti editoriali a quotidiani, periodici e libri. Quindi, un aumento della tassazione pari al 500%!
Invece di adottare delle misure di politica industriale, si penalizza una filiera che vive uno stato di profonda crisi e che ha bisogno di interventi volti a sostenere la lettura come la detassazione dell’acquisto di libri e di giornali, di incentivi all’innovazione e all’acquisto della carta, oltre che di interventi di tutela dei contenuti editoriali.
Queste proposte erano state presentate il 10 aprile 2013 al Senato della Repubblica dalle otto Associazioni, ma sono rimaste lettera morta. E al solito non fare, si aggiunge ora una misura fortemente penalizzante.
La Filiera rappresentata dalle otto Associazioni è uno dei pilastri del sistema economico nazionale. Rappresenta un’occupazione diretta di 213 mila addetti nel 2012 (250 mila nel 2007), quasi il 5% dell’occupazione complessiva, cui si aggiungono altre 527 mila unità occupate nell’indotto. Nel 2012 la filiera ha riflesso però le difficoltà imposte dal quadro economico generale realizzando un fatturato di circa 32,9 miliardi di euro (era di 42 miliardi nel 2007), in riduzione del 7,9% rispetto al 2011 principalmente a causa della sensibile contrazione nei settori della stampa e  dell’editoria per il calo delle vendite e della pubblicità.
D’altronde quando abbiamo un  senatore della Repubblica che definisce “orango” una signora, medico affermato, e certamente molto più colta e intelligente di lui, abbiamo ben poco da attenderci da questo Parlamento.

2 Commenti on "Dal governo un altro colpo alla cultura (e alla stampa)"

  1. Vittorio E 16 luglio 2013 alle 19:42 · Rispondi

    Concordo con le tue conclusioni, ma perchè voglio mettere il dito nella piaga fino in fondo, ecco la prova che il disastro è completo e la confusione totale:
    “Davide Fabbri Rappresentante del “Movimento Lavoro e Rispetto” il 30 giugno scorso si è presentato al Comando di Milano Marittima della Legione dei Carabinieri dell’Emilia Romagna per formalizzare una ratifica di denuncia, con testimoni, nei confronti del presidente della camera Laura Boldrini, in quanto, costei l’8 aprile 2013 a domanda di un giornalista che le chiedeva testualmente: “Con quale criterio saranno assegnate le case popolari” ella rispondeva: “Saranno date prima ai rom e agli extracomunitari con figli a carico”. Davide Fabbri in quanto cittadino Italiano, si è sentito, come tutti noi del resto,profondamente discriminato da queste parole poiché, come molti altri Italiani, è stato a suo tempo privato due volte del diritto di una casa popolare nel Comune residente di propria appartenenza. Difatti, con queste decisioni, Laura Boldrini, decide di appropriarsi arbitrariamente mediante un abuso d’ufficio di un bene nato dal risparmio dei cittadini Italiani tutelato dall’art. 47 della Costituzione Italiana. “

  2. Guido Torelli 17 luglio 2013 alle 16:52 · Rispondi

    Condivido completamente l’articolo e soprattutto le considerazioni finali.
    Mi sembra banale e fuori luogo il commento di Vittorio E. che evidentemente piccato per delle ovvie considerazione sul famoso Calderoli pensiero si è sentito in dovere di rispondere tirando in piedi un cosa tanto irreale e impossibile attribuita al presidente della Camera che è persona così intelligente e mai farebbe uno scivolone di così cattivo gusto. Questa tecnica si chiama ” disinformacjia” ed è stata inventata secoli fa, ma ormai non attacca più.

Lascia un commento