/, TECNICHE/Stampa e cartotecnica 4.0

Stampa e cartotecnica 4.0

Le interviste del Print4All: Koenig & Bauer Packaging & Connected Services il 4.0 in stampa e cartotecnica.

Al Print4All incontriamo Falk Sparbert, Vice President Sales KBA anche per l’Italia e Stefano Squarcina, Direttore Commerciale e Marketing KBA-Flexotecnica con lo scopo di fare il punto dopo le recenti novità in Italia: Squacina nella nuova carica da gennaio 2018, e Sparbert a poco più di un anno alla guida di KBA Italia. Una risposta ai cambiamenti del mercato e in linea con le strategie di Koenig & Bauer recentemente approvate dal consiglio degli azionisti.

«Koenig & Bauer è nota come fornitore affidabile di tecnologia per l’industria della stampa – ci dice l’ingegner Falk Sparbert – ma questo non basta per essere per i nostri clienti e per l’industria della stampa e cartotecnica un partner a tutto tondo, in grado di supportare il successo anche nel mercato della stampa del futuro

Stefano Squarcina

Fare di KBA e Flexotecnica un tutt’uno è quindi il punto di partenza per questa nuova visione per la quale si è deciso di investire per lo sviluppo del corporate e del brand in cui offset, flessografia, e quindi stampa commerciale e cartotecnica, siano tutte sotto lo stesso ombrello.

Un concetto condensato nel messaggio “Idee, persone, macchine” che campeggia allo stand dove ‘integrazione’ è la parola chiave (concetto che avevamo già rilevato in occasione dell’installazione di una Rapida 106-6+V alla Nuova Grafica di Prato e al cui articolo rimandiamo).
E integrazione è digitalizzazione. Cosa significa digitalizzazione per l’industria della stampa e cartotecnica?

«Come possiamo integrare la digitalizzazione nella moderna quotidianità dell’azienda di stampa? – si chiede Stefano Squarcina, che risponde sulla base delle sua profonda esperienza tecnica e commerciale nel settore –. Industry 4.0 rappresenta una delle sfide cruciali dei prossimi anni per Koenig & Bauer. comprendere le condizioni per una corretta applicazione delle tecnologie digitali sulle nostre macchine da stampa e sui processi aziendali diventa di fondamentale importanza per trarne il massimo vantaggio competitivo che sicuramente influenzerà il modello di business

Una prima mondiale

KBA-Iberica 106 K PRO

Il primo esempio concreto è l’evento del 2018 “Koenig & Bauer 4.0 – Packaging & Connected Services” durante il quale, nella sede e sito produttivo di Radebeul, clienti provenienti da tutto il mondo (le aziende italiane il 7 e 8 giugno) potranno entusiasmarsi alle presentazioni dal vivo del funzionamento dell’azienda grafica del futuro quando è interamente connessa.

«Sarà un evento importante – sottolinea Falk – perché presentiamo in prima mondiale la KBA-Iberica IPress 106 K PRO la fustellatrice piana di nuovissima generazione di Koenig & Bauer con la separazione dei soggetti fustellati per la moderna produzione di astucci

La IPress è l’evoluzione della Iberica, la fustellatrice che Cerutti presentò alla drupa 2016, e che Koenig & Bauer acquisì subito dopo la fiera, e alla quale sono stati effettuati interventi tecnici importanti con l’inserimento di dispositivi della tecnologia delle macchine piane Koenig & Bauer, come il mettifoglio e il sistema di fustellatura, e implementazioni nei software per semplificarne l’apprendimento da parte degli operatori.

«La IPress 106 K PRO – ci dice Emanuele Pogliani – è oggi l’unica fustellatrice industriale costruita in Europa, che basa il suo successo sulla robustezza e la precisione, come la pressione di 300 tonnellate sul foglio

In occasione dell’evento di Radebeul saranno anche presentate al lavoro una Rapida 145-7+L per la produzione di packaging ad alto volume e, per la produzione di packaging di lusso, la Rapida 106-6+LTTL con il post press sulla Rapida RDC 106-4.

2018-09-26T17:47:16+00:00giugno 4th, 2018|MERCATI & AZIENDE, TECNICHE|0 Comments

About the Author:

Laureato all'Università di Genova. Giornalista tecnico, da vent'anni nel settore della stampa e arti grafiche; è stato redattore di Rassegna Grafica, direttore di Graphicus; docente al Politecnico di Torino. Attuale direttore di MetaPrintArt.

Leave A Comment