Realtà aziendali e mercato

Scritto da il 28 ottobre 2009 in Gestione, MERCATI & AZIENDE - Nessun commento

Come analizzare l’azienda e orientarla in funzione degli sviluppi futuri in un mercato in forte evoluzione, è stato il tema trattato con interessanti approfondimenti da Michele Tugnoli e Gabriele Montanari di Edigit, in una serata dell’anno culturale del Centro di Studi Grafici di Milano.

Ha introdotto la serata Francesco Colombini, responsabile area nord, che ha evidenziato come per una software house superare i vent’anni di vita come Edigit (www.edigit.eu) costituisce oggi la dimostrazione di azienda seria e consolidata. Edigit conta oggi 40 collaboratori, 1400 clienti in Italia, e filiali in Spagna, Austria, Svizzera, Romania e Australia. I suoi software tradotti in 6 lingue, sono soluzioni per la gestione delle aziende grafiche, completi e modulari e integrati con i più importanti software amministrativi.

Sono stati quindi illustrati i processi commerciali e produttivi di una commessa, dimostrando come l’automazione mirata con gestione integrata fino alla consuntivazione dinamica, sia in grado di far ottenere all’azienda reali risparmi, riduzione degli errori, acquisizione di più ordini.

Inoltre Edigit ha messo a punto software che permettono di analizzare la propria azienda e da cui ricavare informazioni per i necessari correttivi. A questo proposito Tugnoli al termine della serata ha mostrato alcune strategie che le aziende possono prendere in considerazione per superare la crisi, tra cui accorpamenti e fusioni orizzontali o di filiera, per una valutazione delle quali Edigit ha sviluppato un apposito programma che ha già dato risultati incoraggianti (per maggiori informazioni info@edigit.eu .

In sintesi, sono due gli aspetti che Edigit considera in un’azienda: guardare dentro, mediante un accurato budget dei costi e l’analisi dettagliata delle ore improduttive; guardare fuori rispetto all’evoluzione del mercato.

In chiusura si sono illustrati i risultati reali ottenuti nell’automazione delle commesse con JDF e JMF, riportando un esempio concreto (per quanto riguarda la prestampa) illustrato da Andrea Pastore tecnico di EskoArtwork. Per la stampa Edigit collabora con Komori, manroland, KBA.

Intervenendo nella discussione, Enrico Parisini ha sottolineato come non si possa tollerare, oggi, che un imprenditore, anche di azienda media o piccola, possa ignorare la realtà dei propri costi aziendali, lavorando magari in perdita senza accorgersene fino al momento del bilancio. Ad esempio, Edigit ha lanciato una interessante idea promozionale a costo politico: mette a disposizione esperti consulenti esterni che siano in grado di analizzare in tre o quattro giornate i costi reali aziendali. Il tutto per 1800 euro. Ebbene, ciò che lascia dubbiosi sulla serietà di molte aziende, è che questa promozione ha suscitato l’interesse di sole 5 aziende. Un fatto che la dice lunga sulle ragioni che portano molte aziende grafiche al fallimento.

L’altro lato della medaglia è la presenza alla serata di parecchie aziende di stampa (una con tutto lo staff gestionale) che hanno partecipato con vivo interesse, provenendo anche da fuori Milano e persino da Verona. Evidentemente qualcuno comincia ad accorgersi che occorre anche guardare ai propri conti con mente aperta.

Lascia un commento