Brevi della settimana – 11/17 novembre

Scritto da il 18 novembre 2013 in FLASH - 1 Commento

Le notizie di mercato, aziende, tecnologie, formazione e cultura nel mondo della grafica, della cartotecnica, del converting e del packaging.

Aziende & Mercati

Meana Cartotecnica Pusterla (Pusterla 1880) ha acquistato la britannica London Fancy Box (LFB), della famiglia Lawson.
Le due aziende hanno diversi punti in comune: l’attività nel settore degli astucci di lusso; la storia di aziende di famiglia (Meana per l’azienda di Varese) che hanno superato da un pezzo il secolo di vita; la buona reputazione sui mercati. I motivi dell’acquisizione sono quasi banali: la famiglia Lawson, in mancanza di eredi per il passaggio del testimone e nella volontà di proseguire sulla stessa linea di stile e conduzione, ha accettato di buon grado la proposta della famiglia Meana per un accordo di fusione. Con un dettaglio molto importante: i due stabilimenti continueranno a produrre senza alcun esubero. In pratica si tratta di una somma tra un’azienda (l’italiana) di 380 persone (compreso lo stabilimento di Limoges in Francia acquisito nel 1999) e 40 milioni di fatturato, e quella inglese (stabilimento a Dover, nel Kent) con 190 dipendenti e 20 milioni di fatturato. Finalmente, quindi, una notizia positiva da parte di un’azienda italiana.

Cambiamenti nella struttura organizzativa di GIDUE sono stati annunciati da Federico d’Annunzio e Cristina Toffolo : tra i principali, la nomina dell’Ing. Matteo Cardinotti come nuovo Direttore Generale di Nuova GIDUE. Con un background tecnico-elettronico, Cardinotti è a capo del Dipartimento di R&D di GIDUE da diversi anni. Nel corso degli ultimi 2 anni, ha ri-organizzato tutti i reparti operativi per migliorare e sviluppare tutte le strategie commerciali di GIDUE in maniera più rapida e stabile. Matteo lavorerà in stretta collaborazione con Maurizio Trecate, Vice Presidente alle vendite, Cristina Toffolo, Vice Presidente Marketing, e in collaborazione diretta con Magda Ciapponi, Vice Presidente Finanziario.
Nel mese di settembre Nuova GIDUE si era trasferita nel nuovo stabilimento a Campi Bisenzio, che rappresenta un punto di partenza di una nuova era orientata verso la ricerca dell’eccellenza in tutti gli aspetti tecnici e di mercato.

Il tribunale federale dei brevetti per la Germania dà ragione a EFI e ha dichiarato nulle importanti parti di un brevetto detenuto da Durst Phototechnik Digital Technology GmbH in relazione alla stampa con inchiostro bianco e che Durst aveva in precedenza citato in una causa di violazione di brevetto intentata contro EFI. Durst aveva citato EFI per una presunta violazione del brevetto tedesco n. 10 2005 006 092. Oltre a negare tali accuse, EFI ha intentato una causa di invalidità presso il tribunale federale tedesco dei brevetti, richiedendo di annullare le sezioni del brevetto utilizzate contro EFI sulla base del fatto che quanto dichiarato da Durst era stato divulgato anni prima. I tribunali tedeschi di Mannheim e Karlsruhe avevano già dichiarato non valido un modello di utilità di Durst per ragioni simili. Il 23 ottobre 2013, il tribunale federale dei brevetti ha dato ragione a EFI e rese nulle sezioni importanti del brevetto di Durst. Qualora non venga presentato alcun ricorso, questa sentenza porrà fine a una battaglia legale avviata da Durst anni fa.

Pubblicità sempre in calo, va meglio il web. Il mercato degli investimenti pubblicitari a settembre 2013 chiude a -5,8% rispetto allo stesso periodo del 2012, facendo registrare una riduzione del -14,6% tendenziale per i primi nove mesi, pari a circa 774,5 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I primi otto mesi del 2013 si erano chiusi a -15,8%.   Nonostante questi dati, si ritiene che ci sia un’inversione di tendenza rispetto alla decrescita, perché il valore assoluto questi primi nove mesi del 2013 corrisponde alla raccolta del primo semestre 2011.  Il mezzo Stampa continua a assestarsi in negativo, rimanendo vicino “quota 20” nei nove mesi, con una riduzione del -21,5% per i quotidiani e del -24,3% per i periodici.
Meglio invece il web, che dopo sei mesi consecutivi in calo, a settembre torna in “terreno neutro” anche Internet, attestandosi a +0,4%.

Sta riscontrando un successo di vendite la tecnologia Digital Flexo di GIDUE presentata a Labelexpo sulle nuove linee macchina M1 per la stampa di etichette e cartone leggero; M3 per etichette e imballaggio e M5 per la stampa su supporti illimitati.
Questo grazie ai sofisticati sistemi di controllo come la Digital Flexo, una telecamera ad alta risoluzione posizionata su ogni unità di stampa che collabora alla regolazione automatica della pressione di stampa, riducendo l’intervento manuale da parte dell’operatore durante le fasi di set-up e produzione. La digitalizzazione della maggior parte delle regolazioni effettuate sulla macchina funge da “operatore digitale” che rimane costantemente di fronte a ogni unità di stampa. Daremo i dettagli in un articolo a parte.

 

Ipack Ima In vista di IPACK-IMA 2015, la collaborazione fra UNIDO e Ipack-Ima cominciata nel 2009 con a Conferenza internazionale “More Technology, less Hunger“, culminerà negli appuntamenti del 2014, con East Afripack a Nairobi, Kenya, quindi con l’organizzazione della conferenza “Sustainable Processing&Packaging for Development“.  Avviate in Italia le visite ufficiali in Europa il neoeletto Direttore Generale dell’UNIDO Li Yong, già Vice Ministro delle Finanze della Repubblica Popolare Cinese, con un ciclo di incontri on rappresentanti istituzionali e importanti esponenti del mondo imprenditoriale e finanziario italiano.  UNIDO è l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale che assiste i Paesi in Via di Sviluppo (PVS) e quelli con economie in transizione, al fine di favorire uno sviluppo industriale sostenibile e la cooperazione internazionale tra le imprese. Tutte di primo piano le realtà del mondo industriale italiano alle quali Li Yong ha avuto modo di presentare le priorità di UNIDO: insieme con Ipack-Ima, per la quale ha presenziato agli incontri l’amministratore delegato Guido Corbella, sono ENI, Barilla, Novamont e FIAT.   Altra novità in occasione di Ipack-IMA è Meat-Tech – Processing & Packaging for the Meat Industry, il nuovo evento internazionale ad alta specializzazione per la business community dell’industria della carne, direttamente organizzato da Ipack-Ima Spa. La prima edizione si terrà dal 19 al 23 maggio 2015 nel grande appuntamento internazionale in Fieramilano che già vede assieme: IPACK-IMA, Fruitech Innovation, Intralogistica Italia, Converflex e Grafitalia, in contemporanea con EXPO 2015.  In queste sei manifestazioni si concentreranno 2.500 espositori, con un’attesa di 100.000 visitatori in aree tecnologiche e di business strettamente connesse. Meat-Tech abbina l’esperienza dell’organizzatore nello specifico settore alla profonda conoscenza del mercato, in cui Ipack-Ima Spa si è guadagnata la fiducia e la stima dagli operatori economici del settore.

Tecniche e prodotti

Agfa lancia le lastre processless Azura TU con la tecnologia proprietaria ThermoFuse™ presente sul mercato fin dalle prime Azura di dieci anni fa. Le nuove Azura TU sono destinate a tutti gli stampatori offset a foglio in quanto estendono la tiratura a 150.000 copie. La pulizia e protezione delle lastre avviene sulla unità di gommatura Azura CX a pH-neutro.

F3_Micro_BS KBA e Vinfoil sviluppano un sistema cold foil compatto. Il ColdFoil Infigo SF110, modulo da integrare nelle macchine offset a foglio KBA, è già noto da tempo e installato su diverse macchine KBA, ma ora con Vinfoil e KBA hanno messo a punto una versione più semplice la Micro SF110 GF, concepita per essere semplice da operare in alternativa ai sistemi di altissima qualità pr aziende che hanno un budget di investimento limitato.

Epson ha annunciato Japanese Kozo Paper Thin, un nuovo supporto cartaceo traslucido in fibra naturale a base di gelso, con un peso di 34 gr/m², per la stampa a getto d’inchiostro è particolarmente resistente e durevole nel tempo. La sua finitura patinata, unita agli inchiostri, assicura un’elevata densità del colore. Grazie a questa caratteristica, la carta Kozo è particolarmente adatta per la fotografia, le riproduzioni artistiche e l’interior design e apre nuove possibilità nel campo dell’arte.  cartaKozo
Kozo è un tipo di gelso utilizzato in Asia e Giappone per produrre la carta. Nonostante il suo peso ridotto e la trama fine, questo nuovo tipo di carta di alta qualità assicura un’elevata resistenza grazie alle fibre di kozo, che lo rendono particolarmente adatto per la creazione di opere d’arte resistenti all’umidità che durano nel tempo. Pur trattandosi di un supporto traslucido, la carta Kozo garantisce un’elevata saturazione dei colori, per risultati di altissima qualità. Questo tipo di carta può anche essere utilizzato per un’ampia gamma di applicazioni, tra cui il kakemono, un rotolo da appendere al muro tipico della cultura giapponese sul quale è raffigurata una calligrafia. Questo nuovo tipo di carta nasce dalla collaborazione tra Epson e Gary Wornell, noto artista e fotografo di fama mondiale, la cui abilità e sensibilità artistica, hanno consentito lo sviluppo di un prodotto innovativo ispirato alla tradizione giapponese e alla tecnologia moderna.

Favini_Brand Protection Favini presenta “Secure Suite” contro il mercato nero. È una gamma di carte esclusiva, caratterizzata da soluzioni anti-contraffazione efficaci e uniche, differenti per tipologia ed esigenza merceologica. Ideata per proteggere il prodotto da falsificazioni, la nuova linea introduce elementi di sicurezza all’interno di packaging o etichette, garantendone l’autenticità.
L’azienda nel corso degli anni ha realizzato un’intera gamma di carte focalizzata sulla protezione dei brand e dei prodotti dei mercati del lusso, le cui applicazioni contro la contraffazione dei marchi hanno trovato un vasto utilizzo in tutti i settori merceologici. La gamma Secure Suite è, secondo Favini, la soluzione per contrastare il mercato nero della contraffazione. L’ampia offerta delle carte di sicurezza Secure Suite, nell’ambito della brand protection, include differenti elementi di sicurezza che sono integrabili in scatole, etichette, cartellini, certificati, oltre a materiale di supporto correlato come shopper, comunicazioni e documentazione aziendale, che garantiscono l’originalità del prodotto. Secure Suite è un’offerta modulare, che comprende elementi di sicurezza che possono essere integrati nella carta singolarmente o, per una maggior protezione, in combinazione.
Tra le innovazioni, la più tecnologicamente avanzata è Secure-NanoLock, una soluzione che prevede uno speciale ologramma con un codice incorporato. Il code misura meno di 500 micron per lato ed è costituito da un pattern olografico che racchiude un messaggio nascosto leggibile con Smartphone o PC.
Per identificare e decodificare è necessario scaricare l’App e il software appositamente sviluppati, oltre all’ausilio di una lente di ingrandimento. La tecnologia Secure-Nanolock permette di incorporare negli ologrammi una caratteristica di sicurezza unica e di offrire un sistema di tracciabilità per documenti e beni di consumo. Altre soluzioni sono: Secure-Watermark per l’inserimento della filigrana personalizzata su misura all’interno del documento autentico; Secure-Fibres con l’inclusione di fibre sintetiche all’interno della carta, visibili con luce solare oppure UV; Secure-Reagents basata sul trattamento chimico della carta che reagisce cambiando colore quando vi è un tentativo di contraffazione; Secure-Dust che prevede l’introduzione nel documento di micro-elementi, percepiti solo da una lente di ingrandimento dotata di una speciale illuminazione; Secure-Check Maker consente con un sistema di verifica sviluppato da Favini, grazie a uno speciale pennarello, il controllo immediato di autenticità. Secure-Zap per verificare l’originalità del documento attraverso l’integrazione di uno speciale trattamento nella carta, visibile solo con una penna laser o un dispositivo acustico. Infine, Secure-Skin una tecnologia caratterizzata da una micro graffatura contenente micro-messaggi, loghi o motivi personalizzati che può essere applicata su carta già dotata di altre caratteristiche di sicurezza per garantire una maggiore protezione. Il micro-testo non è visibile a occhio nudo, ma è necessario un ingrandimento di 15x o superiore.

Xerox ha sviluppato nuovi strumenti per stampare meno e a un minor costo semplificando il modo di lavorare e garantendo nel contempo sicurezza e sostenibilità. L’azienda ha mostrato questi strumenti al Gartner Symposium, ITxpo, di Barcellona.
I nuovi strumenti e servizi disponibili nell’offerta MPS di Xerox comprendono Xerox CompleteView Pro che tramite un’applicazione interattiva web-based, visualizza graficamente i potenziali scenari relativi all’ambiente di stampa dei clienti quali costo totale di possesso, rapporto sui dispositivi, utilizzo di questi e le relative metriche di sostenibilità ambientale. Xerox Production Assessment Services che revisiona gli ambienti di stampa e individua il sistema più diretto per risparmiare e garantire maggior efficienza. Xerox Print Security Audit Service che monitora la politica di stampa dei propri clienti con il fine di identificare e risolvere problematiche relative alle normative vigenti. Xerox Print Server Management Service che rende facilmente accessibili le risorse IT di un’impresa, delle code di stampa e dei driver. Xerox Mobile Print Solution che offre processi di stampa sicuri attraverso l’app Xerox Mobile Print. Gli utenti possono stampare dal loro desktop, portatile, tablet, dai dispositivi mobili e smartphone. Xerox Content Management Services aiuta le imprese ad automatizzare, semplificare e ridurre la produzione di carta nei processi di business. L’efficienza viene raggiunta attraverso il workflow automatizzato di Xerox e gli strumenti di gestione dei documenti, oltre ai servizi di consulenza. Xerox IgniteSM valutazione elettronica dei compiti e produzione di analytics che permettono agli educatori di personalizzare l’apprendimento secondo i progressi dei propri studenti.

Ambiente

Agfa assegna i premi sostenibilità a imprese di stampa nel mondo. Avviato a gennaio 2013 il premio per la sostenibilità destinato ad aziende di stampa che operano secondo il concetto del green printing e svolgono anche attività per il sociale, il premio è andato a sei aziende, due in Sud America, due in nord America, una in Germania, una in Australia. Le aziende che hanno ricevuto il riconoscimento sono : Gráfica e Editoro Aquarela in São Paulo (Brasile) stampatore commerciale; Cascades azienda multinazionale leader in Canada nella produzione di carta, attiva nel packaging, cartone e tissue; EarthColor uno dei più importanti stampatori commerciali negli USA; Graphica Printer di Buenos Aires (Argentina) che ha eliminato scarti e prodotti chimici; e lo stampatore di giornali tedesco Badische Neueste Nachrichten.

Epson premiata per il suo impegno negli acquisti green e nell’eco-design, a conferma di un impegno globale che l’azienda ha sintetizzato nel bilancio di sostenibilità 2013, evidenziando i continui miglioramenti raggiunti. Il premio è il Forum CompraVerde – BuyGreen nella categoria Vendor Rating e Acquisti Sostenibili, destinato alle imprese che, oltre agli aspetti tecnico-economici, integrano criteri di sostenibilità nei processi di qualifica e selezione dei propri fornitori e dei beni e servizi acquistati.

Cultura & Formazione

La premiazione della prima edizione del premio Giuseppe Musmeci, fondatore di Fontegrafica, si svolgerà sabato 23 novembre presso la ACSG di via Benigno Crespi 30, Milano, dalle ore 10 alle ore 12. Il concorso, indetto dall’ACSG, di cui Fontegrafica è da diversi anni partner, celebra la figura di una delle personalità più rappresentative del panorama grafico italiano che per oltre trent’anni ha condotto la nostra azienda in modo virtuoso. Da piccola bottega alla periferia di Milano, a industria leader mondiale nel panorama della stampa di altissima qualità, Musmeci ha usato come ricetta del suo successo la costante e perpetua ricerca del bello, attribuendo agli stampati un valore che li trasforma in veri oggetti duraturi. Dopo la sua scomparsa Fontegrafica ha deciso di continuare a percorrere la strada da lui intrapresa, approfondendo le tematiche culturali a lui più care. Alla tradizione del celeberrimo Calendario Fontegrafica, è stato dato un volto nuovo, istituendo insieme all’Associazione Culturale Studi Grafici il Premio Giuseppe Musmeci, che delega la realizzazione del calendario ai ragazzi delle scuole grafiche nazionali. Il tema del 2013 è la calligrafia.
Tra i dieci progetti selezionati, che potrete visionare sul sito appositamente creato per il concorso www.premiogiuseppemusmeci.it, sarà scelto il vincitore che verrà annunciato nel corso della cerimonia, tra: Ludovica Adami(Istituto Arte & Messaggio di Milano), Giovanni Davide Baggio, Filippo Airoldi, Costanza Bettani, Luigi Alemanno (Associazione CNOS-FAP di Milano); Ludovico Pirovano, Luca CasagrandeVitali, Simone Piuri, Giacomo Bono, Stefano Origgi, Marco Quarta, Jacopo Ferrarese, Gheorghe Ciampolini, Giorgia Nardone, Andrea Frigerio, Federica Giardini, Luca Galluzzi(Istituto Tecnico Tecnologico “Don Bosco” di Milano); Nicolò Bernhardt(Istituto Sacro Cuore in paternariato con l’Istituto Pavoniano Artigianelli di Trento); Giulia Cazzaniga (Istituto I.S.A. di Monza); Davide Celebrin(Istituto I.S.I.S. Amedeo Voltejo Obici di Oderzo); Sara D’Isanto (Istituto I.S.A. di Monza); Maria Teresa Limongelli (Istituto Arte & Messaggio di Milano); Lara Sirtori (Istituto Arte & Messaggio di Milano).

Calend_Epson_urb Luca Campigotto è il fotografo italiano scelto per il Calendario Epson 2014, intitolato “Scenari”. Per il suo 14° Calendario, Epson ha scelto la potenza evocativa degli scatti di Luca Campigotto. Dai paesaggi urbani ai panorami selvaggi, il fotografo veneziano crea immagini straordinarie e ammalianti, capaci di richiamare l’incantesimo del cinema e far vivere un’esperienza magica.  I suoi viaggi, tra spazi metropolitani notturni immersi nell’illuminazione artificiale e sconfinati scenari desertici dove solo si intuisce la presenza dell’uomo, formano un percorso visivo unico, basato costantemente sulla tensione compositiva dell’inquadratura e l’uso scenografico della luce.

 

Il concorso Premio Arte Laguna chiude le iscrizioni a fine novembre e prevede grandi opportunità per gli under 25. Oltre alla collettiva presso l’Arsenale di Venezia, gli artisti più giovani (nati dal 1988 compreso) potranno essere selezionati anche per la collettiva presso l’Istituto Romeno situato in una delle zone più frequentata della città, Strada Nuova.  Un altro vantaggio sono le quote di partecipazione ridotte a 45 euro per l’iscrizione di un’opera, 80 euro per 2 e 40 per ciascuna opera successiva. Vedere e scaricare il Modulo di iscrizione >>> e il Bando di concorso >>> www.premioartelaguna.it. Telefoni 041 5937242 | 347 7077251.

È già passato un anno dalla scomparsa di Loris Jacopo Bononi, che gli amici vogliono ricordare nella sua inesauribile e inesaurita vitalità, nell’amore incondizionato per la sua creatura: il Castello di Castiglione del Terziere, contenitore e contenuto di una realtà unica. E unico era e rimane Loris: il suo sguardo azzurro e intenso, oggi come ieri si posa su oggetti e simboli del Castello e del suo borgo, sempre vivo e animato grazie alla compagna della sua vita, Raffaella Paoletti, capace come nessuno di ereditare da lui il senso più intimo, vero e pulito di una missione. Nel castello e nel borgo, si sono susseguiti incontri e iniziative lungo tutto l’anno trascorso, come Loris avrebbe voluto. Come avrebbe fatto. Il 12 novembre, primo anniversario della sua morte, il Castello è stato come sempre aperto. I visitatori del Castello si contano a centinaia, tutto è come quando c’era il Professore, a Castiglione. E tutto continuerà come ha voluto lui, con passione e rispetto, lontano da manifestazioni di vanità inutili e provvisorie. Nella speranza che le ceneri di Loris tornino a casa, a Castiglione del Terziere, dove lui voleva stare.

1 Commento on "Brevi della settimana – 11/17 novembre"

  1. TicTacStampa 18 novembre 2013 alle 12:16 · Rispondi

    Tra le tante novità riguardanti processi e materiali il trend negativo che attanaglia il settore della pubblicità tradizionale è sicuramente la notizia che più fa riflettere. Il calo del mese di settembre 2013 (-5,8%) rispetto allo stesso periodo, già negativo, dello scorso anno rappresenta una situazione generale di stallo.

Lascia un commento