Smens in mostra a Milano e Rovereto

La “Xilografia in Rivista” e “Nigro Signanda Lapillo” sono i titoli con cui la rivista tipografica e xilografica di Schialvino e Verna sarà in mostra tra marzo e aprile.

Come è noto ai cultori della buona tipografia,  Smens è una rivista- fondata da Gianfranco Schialvino e Gianni Verna –  stampata su carta di cotone  con torchio a braccia, con caratteri di piombo e con le illustrazioni incise su tavolette di legno. Questo di per sé non basterebbe a dichiararla speciale, ma se si conta che vi hanno scritto poeti, studiosi, filosofi e scrittori di fama, e che ha ospitato le xilografie gli incisori più bravi al mondo, ne fanno un caso oggi unico nel mondo della stampa ma anche dell’editoria.
In più, oggi Smens ha una sua valenza strategica, perché scomparendo la Xylon International, l’associazione mondiale che riuniva attraverso le Xylon nazionali tutti gli incisori xilografi, Smens resta oggi l’unico polo aggregatore per questi artisti che si cimentano ogni volta a commentare con immagini i testi, tutti originali, che generosamente, con incredula curiosità per la spericolata avventura cui sono invitati a partecipare, scrivono gli autori.

Schialvino e Verna al torchio

Schialvino e Verna al torchio

A Milano la Biblioteca Nazionale Braidense inaugura la mostra giovedì 7 marzo (Sala Maria Teresa ore 17,00) e durerà fino al 30 marzo con ingresso gratuito. Durante il periodo di esposizione, si terranno, nei giorni di giovedì 14, 21 e 28 marzo, tutti alle ore 15, tre incontri, pensati per far conoscere soprattutto ai visitatori più giovani la xilografia e le tecniche di stampa che stanno alla base della costruzione di un libro illustrato, dalla carta ai caratteri alle vignette, per concludere con gli estemporanei “libri d’artista”.

Dal 5 marzo al 5 aprile sarà invece aperta la mostra di Rovereto presso la Sala Espositiva del Laboratorio Arte Grafica della Biblioteca Civica “G. Tartarotti” . Qui le opere esposte hanno come tema principale la montagna. Ed è in questo contesto che il linguaggio xilografico, con la varietà delle tavole incise su legno di testa e di filo, su rame e su plexiglas, e spesso impresse a tavole sopvrapposte per ottenere ricchie effetti cromatici, spingerà il visitatore ad approfondire la conoscenza delle tecniche di stampa visitando anche la collezione di macchine e attrezzature del Museo.
La mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.

 

Lascia un commento