Industria 4.0 secondo Cefla

Scritto da il 31 ottobre 2017 in INDUSTRIAL PRINTING - Nessun commento

La nona edizione di Cefla Live organizzata negli stabilimenti di Imola è stata incentrata sul concetto di Industria 4.0 e ha coinvolto 35 aziende partner e più di 1000 addetti del settore.

Cefla Live è l’appuntamento esclusivo che Cefla Finishing organizza ogni anno nel suo LAB R&D, in cui gli addetti ai lavori possono vedere in azione tutte le più avanzate tecnologie della divisione di Cefla, dedicata alla stampa industriale e decorativa.
L’evento ha dato vita a un dialogo e un confronto, in cui è stato possibile mettere in campo la propria esperienza e professionalità in un contesto apprezzato da tutti i professionisti e gli specialisti presenti per le soluzioni innovative proposte.

Realtà virtuale

L’area dedicata al focus è stata suddivisa in quattro momenti successivi: in apertura una presentazione delle soluzioni Cefla per la progettazione, la supervisione e l’efficientamento.
A seguire, la seconda tappa del tour in cui è stato possibile vivere un’esperienza di realtà virtuale: i partecipanti, indossando un apposito visore 3D, potevano “entrare” nelle linee produttive per vedere più da vicino le tecnologie adottate nelle macchine di Cefla Finishing.

cCloner è un file di simulazione che ci permette di entrare nella realtà virtuale. Un raggio laser verde ci permette di entrare all’interno delle macchine, salire e scendere, per avere una panoramica dall’alto. In questo modo si simulano le linee per i clienti e in questo modo possono vedere le dimensioni reali e gli spazi, gli ingombri delle macchine nel loro capannone. Il cuore del cCloner è un software che permette di settare le macchine e comporre le linee. Quindi capire e provare insieme al cliente nuove soluzioni.

Analisi preventive

Il secondo step che cCloner permette di fare sono le analisi preventive. Definita la linea andiamo a vedere all’interno del capannone gli spazi dove si dovranno andare ad installare le varie linee.
Nel terzo momento di incontro gli ospiti di Cefla hanno visitato lo spazio di approfondimento su due applicazioni: il cCloner, il nuovo simulatore interfacciabile con i sistemi PLC (controllo logico programmabile), che consente di configurare in 3D le linee e i processi di lavorazione, simulandole, in modo da verificare in tempo reale la rispondenza con le esigenze produttive e prevenendo eventuali inefficienze.
cTraker permette di monitorare, controllare e analizzare tutta la linea di produzione. Si può agire e interagire con le macchine per definire i lotti. Questo software permette di gestire anche macchine fornite da terzi e non da Cefla. Possono essere settate le varie ricette e per l’assistenza ci si può connettere da remoto dando assistenza.

Interconnessione

L’anello che permette di parlare di industria 4.0 è cLink che è un software che collega i dati che provengono da cTraker con l’IT aziendale. Quindi è una connessione bidirezionale. L’insieme di questi due software permette di avere una supervisor di tutta la linea collegato col mio IP per aumentare produttività e efficienza.
Per aver disponibilità di dati e possibilità teleassistenza è stato creato Smartcontact che rappresenta una nuova dimensione del service: con Smartcontact i tecnici di Cefla creano contratti di manutenzione con i clienti. Con queste connessioni possono migliorare e dare suggerimenti ai clienti oppure possono anticiparne i problemi e monitorare le loro esigenze. Senza che il cliente se ne preoccupi i tecnici di assistenza possono fare manutenzione preventiva perché in azienda ci si accorge di qualcosa che sta per accadere.

Il cTracker, l’evoluto sistema di supervisione (Scada, Site control and data acquisition), è pienamente coerente con gli standard di Industria 4.0. cTracker è infatti in grado di garantire la più completa flessibilità e può inoltre disporre del tracking virtuale del pezzo che permette di monitorare, da remoto, la posizione esatta della macchina, sulla linea, e di gestire il cambio dei parametri di lavorazione in linea, durante tutto il ciclo.

Novità in anteprima

Il quarto step era dedicato alle innovazioni in corso di studio in Cefla Finishing. In particolare è stata offerta l’anteprima di cMaster e cPerform, che renderanno i processi di lavoro più efficienti e performanti, riducendo in modo tangibile i costi di produzione. In particolare, cMaster è stato presentato in demo su una situazione reale, quale strumento di monitoraggio che opera di concerto con il cTracker e che implementa nella lavorazione la possibilità di controllo della linea, in diretta e in remoto da ogni parte del mondo.

Unità di spruzzatura

Tra le altre novità presentate, da segnalare la piattaforma di spruzzatura iBotic ad assi interpolati, che presenta un sistema di lettura con scanner 3D. Rilevando la sagoma dei pezzi in entrata, riesce a creare un modello tridimensionale virtuale che guida il processo di lavorazione. Per garantire una verniciatura uniforme anche su superfici complesse, che richiederebbero quindi continue variazioni sull’asse verticale, la pistola è collegata a un sistema di assi interpolati, così da potersi muovere contemporaneamente nelle cinque coordinate X, Y, Z, α e ß. Infine, Smartclean 4.0 sistema di pulizia a rullo dei pannelli destinati alla finitura con notevoli vantaggi rispetto ai più tradizionali sistemi a spazzola: migliori performance nella pulizia, assenza di rulli pressori che possono sporcare il pannello in uscita, l’eliminazione delle cariche elettrostatiche dai pannelli e la lavorazione su pannelli di ogni dimensione. Su queste soluzioni specialistiche per la stampa industriale torneremo dopo il Print di Monaco.

Andamento dell’anno

Cefla ha vissuto un ottimo 2017 guidato da mercati come quello degli Stati Uniti che stanno dando risultati ottimi, molto bene anche la Cina. Anche l’Italia dà segnali che il mercato è ripartito. In Europa il paese che ha dato i risultati migliori è stata la Polonia, dove si è risvegliata tutta la produzione dei terzisti IKEA, come del resto in Portogallo.  Ciò che ci preoccupa la dirigenza di Cefla per il prossimo anno è il deprezzamento del dollaro. Per il resto ci si aspetta lo stesso andamento dello scorso anno.

Lascia un commento