Come definire il colore a parole

Scritto da il 6 ottobre 2009 in Pre&Stampa, TECNICHE - Nessun commento

Xerox apre le porte del suo laboratorio online “Open Xerox” dimostrando quanto sia semplice ottimizzare il colore nella stampa

Gli scienziati Xerox hanno infranto il binomio colori/numeri sinora prevalente nel mondo digitale presentando la rivoluzionaria tecnologia Natural Language Colour, in grado di tradurre le più dettagliate descrizioni umane delle sfumature di colore, quale ad esempio ‘giallo brillante’, in algoritmi matematici che suggeriscono al computer come intervenire su una specifica tonalità.
La capacità di utilizzare frasi di semplice comprensione, come “Rendi i blu più brillanti” oppure “Rendi le tonalità dell’incarnato leggermente più calde” per calibrare i colori in determinate aree di un’immagine, comporta significative implicazioni per i professionisti, dai grafici, agli stampatori e ai fotografi.
Per dare prova delle potenzialità della sua rivoluzionaria tecnologia Natural Language Colour, Xerox consente di accedere a una demo interattiva presso “Open Xerox”: la dimostrazione offre la possibilità di intervenire modificando il colore in zone specifiche di una fotografia senza la necessità di ricorrere a complessi software di ritocco. Una versione di questa tecnologia è già disponibile sul mercato: si tratta della funzione Color By Words integrata nella nuovissima stampante a colori Xerox Phaser 7500.
«Non dovrete essere degli esperti del colore per assegnare la giusta sfumatura ad una zona desiderata di un’immagine» ha affermato Karen Braun, scienziata dello Xerox Research Center di Webster (N.Y.). «Siamo riusciti a mettere a punto uno strumento semplice e immediato come la descrizione di ciò che si desidera modificare. Gli utenti possono ora rispettare rigidissimi tempi di consegna avendo a disposizione direttamente sul loro desktop innovative funzioni per la stampa a colori, favorendo quindi un incremento della produttività e una migliore gestione dei costi
Nello sviluppo della tecnologia Natural Language Colour, gli esperti del colore in Xerox hanno utilizzato colorimetri in grado di associare i numeri a determinate caratteristiche di luminosità/ombra, nome del colore e grado di brillantezza.

E le sfumature?

Specificare l’esatto nome di un colore per un insieme di numeri non è un compito semplice, considerato l’elevato numero di sfumature difficilmente descrivibili. Ad esempio, quando un blu si può indicare con esattezza “un blu verdastro” piuttosto che un “verde bluastro“? Vi è una differenza fra queste due tonalità? Il team di Karen Braun, di cui fanno parte scienziati, ingegneri e specialisti, ha analizzato i risultati di focus group organizzati per comprendere come le persone tendono a descrivere e a distinguere i differenti colori e le diverse sfumature. Il risultato è stato sorprendente, rivelando una forte congruenza nel linguaggio utilizzato per le varie descrizioni.
«Xerox ha condotto migliaia di osservazioni sperimentali per assicurarsi di ottenere frasi che potessero apportare le giuste modifiche alle tonalità», ha spiegato Karen Braun. «Con più di 65 termini nel suo vocabolario, il software è in grado di creare oltre 50.000 variazioni e sfumature di colore. Xerox, attraverso i suoi investimenti nel campo dell’innovazione, fornisce ai propri clienti il potenziale tecnologico e gli strumenti per supportare la loro leadership tecnologica.»
A differenza delle attuali applicazioni e stampanti a colori, che utilizzano i cursori o le ruote dei colori offrendo limitate possibilità di modifica a brillantezza o contrasto, la nuova tecnologia Xerox è in grado di intervenire sul colore in punti specifici dell’immagine senza intaccare il resto del documento. La stampante riceve istruzioni ben precise e al termine del processo viene stampata l’immagine desiderata.
La demo è disponibile anche in italiano collegandosi via web al sito www.xerox.com/open.
In futuro Xerox intende rendere disponibile la tecnologia Natural Language Colour a diversi altri modelli di stampanti, sistemi multifunzione e strumenti di workflow. Xerox, inoltre, prevede di rendere disponibili ulteriori interessanti tecnologie a tutti gli utenti che si collegheranno a Open Xerox.

Lascia un commento