/, TECNICHE/Tagliatori trasversali

Tagliatori trasversali

Robustezza e tecnologia innovativa per tagliatori trasversali da bobina a foglio a elevata produttività e affidabilità.

«Per me è come avere una Harley Davidson.» A pronunciare questa frase che ci sorprende è Paolo Spalluto, P-Tech Service, che dedica la sua attività lavorativa a tagliare bobine di carta, cartoncino, film flessibile per etichettifici, stampatori e cartotecnici. Ma nel privato è un appassionato di motociclette.

Il riferimento si fa evidente quando ci mostra la produttività e la solidità del tagliatore CT14SY prodotto da Cavalleri srl e che fa girare 8-10 ore al giorno per tagliare da bobina a fogli una gran varietà di materiali. Oltre a carta, cartoncino e carte veline, qui passano bobine di polietilene, polipropilene, BOPP, PVC, alluminio.

«Lavoro da solo, non ho bisogno di dipendenti – ci dice – è la macchina che fa tutto
E ha l’aria soddisfatta.
«E poi – aggiunge guardando Paolo Cavalleri che è qui con noi – la sua officina è proprio qui accanto, nel caso avessi bisogno
E già annuncia che la prossima primavera acquisterà la nuova macchina che Cavalleri sta progettando. «Con questa potrei andare avanti fino alla pensione, ma preferisco investire per essere sempre un passo più avanti, e ho completa fiducia nella tecnologia innovativa di PaoloP-Tech Service ha clienti in tutta Italia, con nomi e prodotti prestigiosi, e vuole servirli al meglio.

VIDEO 

Azienda storica

Ambrogio Cavalleri e la sua Ambrosia al Museo della Stampa di Genova

Siamo ad Arquata Scrivia dove la storica Cavalleri srl ha un suo sito produttivo. L’altro è poco distante, ma già in territorio ligure, a Isola del Cantone, per un totale di 7500 mq. Ma la loro origine è a Genova. Quattro generazioni di costruttori di macchine per il settore della stampa a partire da Ambrogio Cavalleri, fondatore di un’azienda meccanica nel 1932. Qualcuno ricorderà infatti la Ambrosia, la prima macchina offset a foglio costruita in Italia nell’immediato dopoguerra, quella che fu la protagonista stampante di banconote nell’indimenticato film “La banda degli onesti” con Totò e Peppino De Filippo.
Oggi le banconote non si stampano in casa. Ma sono il risultato della trasformazione da bobina a fogli con i tagliatori trasversali.

Apprezzati in tutto il mondo

I tagliatori trasversali Cavalleri fanno parte della famiglia Syncro nei vari modelli CT sigla seguita da un numero che indica la luce di taglio.
Sono macchine a elevata automazione con sistema di taglio a forbice brevettato, per la lavorazione di tutta una gamma di prodotti come carta da 12 a 600 grammi, film plastici da 10 a 200 µm, fogli di alluminio, fino alla serie CTX per cartone fino ai 1000 grammi/mq.
Il target di mercato dei tagliatori Cavalleri va dall’industria delle etichette, in carta o in plastica, alla farmaceutica per i bugiardini. Ma anche per editoria e in particolare per le esigenze di chi stampa su ‘carta bibbia’.

Paolo Cavalleri con Paolo Spalluto davanti al tagliatore  CT14SY

Ma c’è una caratteristica che li distingue e che deriva dall’esperienza acquisita sulle macchine offset, appresa dal nonno che aveva lavorato nello stabilimento della Heidelberg. Il telaio dei tagliatori Cavalleri è costruito interamente in fusione di ghisa. Questo significa che, oltre a garantire robustezza, garantisce uno smorzamento naturale delle vibrazioni. E la massima stabilità alle deformazioni anche dopo molti anni.

Alla famiglia CT e CTX si aggiungono i taglia-piega. Sono macchine per il mercato del catering, studiate per produrre pacchi di tovaglie tissue, nelle confezioni che usualmente si trovano nei centri commerciali e nei punti di distribuzione all’ingrosso. Il prodotto finito viene generato a partire dalla classica bobina di TNT, o di carta a secco.

Altra famiglia, che è entrata sul mercato più recentemente, è quella dei goffratori. Questa è una linea nata per rispondere alle esigenze di vari clienti, ai quali sono forniti con cilindri per pattern personalizzati. A oggi ne sono già stati prodotti 200 tipi. Ma questa sarà occasione per una prossima visita.

2018-10-17T12:27:13+00:00ottobre 11th, 2018|In evidenza, TECNICHE|0 Comments

Leave A Comment