Cos’è la Business Intelligence – 2

Scritto da il 31 luglio 2011 in Gestione, Pre&Stampa, TECNICHE - Nessun commento

Nella prima parte di questo articolo (vedi qui) abbiamo sottolineato il fatto che la Business Intelligence ha assunto una centralità strategica per il governo dell’azienda; tramite i suoi strumenti vengono messi a disposizione tutte quelle informazioni fondamentali per dirigere le attività di business.
In questa seconda parte entriamo nello specifico indicando il modo in cui si procede per predisporre gli strumenti di Business Intelligence (B.I.), modalità che sono state adottate dal sistema Edigit B.I., la soluzione specifica per il settore grafico.

Parte seconda – La Edigit Business Intelligence

di Cosimo Baldari

Nel predisporre gli strumenti per indagare i dati di una specifica azienda si procede partendo dall’identificare un set di “indicatori aziendali”, o Key Performance Indicators (KPI), in grado di fornire quelle informazioni ritenute utili a valutare l’andamento ed il funzionamento di quella specifica azienda (possono essere indicatori di tipo finanziario o non-finanziario, ad esempio produttività, scarti, ecc. oppure tempi medi di consegna, ritardi medi nelle consegne, ecc.). Successivamente, tra le varie tipologie di indicatori identificati, si identificano quelli in grado di verificare il successo di una strategia gestionale e/o imprenditoriale, cosiddetti “indicatori di successo”, o Key Success Indicators (KSI), che forniranno quelle informazioni utili a valutare il successo di una strategia ed il raggiungimento di obiettivi prefissati.

Analisi della produttivitàIl valore della B.I. è dunque trasversale alle funzioni aziendali, investe l’impresa nel suo complesso, anche se possiamo identificare le seguenti aree tra quelle maggiormente coinvolte:

Marketing & Vendite, che ha bisogno sia di informazioni attendibili per elaborare analisi di mercato, monitorare la situazione delle vendite, verificare l’andamento delle relazioni sia con i clienti attivi che con i clienti potenziali;
Supply Chain (approvvigionamenti, produzione, logistica, ecc.), i cui obiettivi in genere sono: la riduzione delle scorte, il miglioramento dell’efficienza, l’aumento della produttività, ecc.
Controllo di Gestione, il cui obiettivo è tenere costantemente sotto controllo le variabili aziendali e conoscere gli scostamenti dal budget.

Strumenti, metodi e modelli

Un sistema completo di B.I. deve perciò presentarsi con la seguente struttura:
uno strumento software con funzionalità varie e articolate in grado di elaborare e produrre gli output necessari;
un insieme di metodologie di produzione delle informazioni che sottendono al funzionamento degli strumenti software;
un insieme di modelli, report, cruscotti, analisi olap, geomarketing, ecc. che rappresentano l’output informativo.

Con Edigit B.I. si è pensato di fornire in modo completo strumenti, metodi e modelli, infatti, una delle più grandi difficoltà che si ha nell’avviare un sistema di B.I. è rappresentato proprio dall’identificare correttamente la metodologia da utilizzare per stabilire quali sono gli indicatori da monitorare. Alla complessità tecnica di ingegneria informatica, si aggiungono le difficoltà che l’argomento gestionale può rappresentare, soprattutto nel momento in cui si va a costruire la struttura e il contenuto delle analisi, dei report e delle altre modalità di estrazione e presentazione delle informazioni.

Un percorso virtuoso

Consci di tale difficoltà in Edigit si è proceduto affiancando al tecnico informatico l’esperto di controllo di gestione, si è voluto così evitare di fornire degli strumenti vuoti, estremamente complessi da configurare e utilizzabili solo da utenti altamente esperti.
Si è invece pensato di attivare un percorso virtuoso attraverso il quale sono stati elaborati dei set di analisi standard in grado di fornire da subito gli elementi fondamentali per l’utilizzo strategico del sistema Edigit B.I.
Gli utenti avranno così immediatamente a disposizione quanto è indispensabile per un utilizzo immediato delle analisi di business intelligence, inoltre, l’estrema malleabilità degli strumenti software a disposizione, consentiranno alle aziende più esigenti di poter costruire ed impostare propri set di analisi e reportistica specifica personalizzata, con il supporto del tecnico e dell’analista.
Per questo Edigit B. I. è all’avanguardia con gli ultimi strumenti ideati e prodotti per analizzare e normalizzare la enorme mole di dati presente in azienda e fornire al manager informazioni sintetiche, immediate, di facile lettura per il controllo del business aziendale e della gestione.

Prima di entrare nel dettaglio, con il prossimo articolo, elenchiamo qui i principali strumenti utilizzabili da Edigit B.I. e alcune delle sue funzionalità specifiche:
REPORT (con tabelle e layout personalizzati);
GRAFICI (istogrammi, a torte, a dispersione, etc. tutti navigabili);
CRUSCOTTI (lancette, display, semafori, etc., tutti navigabili);
DASHBOARD (insieme di report navigabili tra loro)
GEOMARKETING (report di analisi geografica anch’essi navigabili)
OLAP (tabelle pivot con dati multimensionali).

(continua…)


Lascia un commento