Come ridurre lastre e gruppi stampa

Scritto da il 10 novembre 2011 in Pre&Stampa, TECNICHE - Nessun commento
MaxPro rip

MaxColor, il più recente sviluppo nella suite di applicazioni per prestampa MaxPro, è stato selezionato nella categoria innovazioni per la prestampa dei Flexotech awards 2011. La cerimonia di premiazione, tenutasi al London Hilton lo scorso 17 ottobre, è uno degli eventi internazionali più prestigiosi sponsorizzato dalle aziende leader nell’industria.

MaxColor è un’opzione della suite di applicazioni MaxPro sviluppato per aiutare a ridurre il numero di lastre e gruppi di stampa mediante la modifica o sostituzione dei colori esistenti in un lavoro.  Tra i vantaggi la vivacità dei colori stampati, la riduzione della quantità di inchiostro e un migliore registro.

Eccone alcune funzioni:
1) Conversione colore interna tramite profilo MaxColor – I profili MaxColor vengono generati da librerie standard industriali (es. Pantone), colori spot personalizzati o tirelle di inchiostro, utilizzando i valori L*a*b* come riferimento. Il profilo MaxColor risultante viene utilizzato per convertire a) immagini Tiff da RGB a CMYK o b) impianti in formato MaxPro che includono testo e immagini. Nel caso dei file MaxPro, l’utente ha la scelta di convertire solo le immagini, solo il testo o entrambi gli elementi.
2) Modifiche dopo la conversione – Dopo che il file è stato convertito, MaxColor dispone di strumenti per il miglioramento delle immagini attraverso le curve di separazione colore individuali o la correzione colore selettiva di colori combinati. Uno strumento di controllo colore consente all’utente di monitorare le variazioni effettuate mentre la funzione di confronto immagine consente una vista in tempo reale delle modifiche in anteprima.
3) Calibrazione monitor, profilo e curva tonale del display – MaxColor fornisce un processo integrato di calibrazione del monitor che è stato sviluppato per riprodurre più accuratamente sia i colori CMYK che la resa dei colori spot rispetto a quanto possibile con i profili ICC standard.  
Il sistema consente di simulare a schermo gli effetti di diverse caratteristiche di stampa, inchiostri e supporti tramite diverse curve di dot gain, gestite in libreria, che possono essere applicate al volo senza la necessità di ulteriori calibrazioni. Questa funzione accetta le letture dei chart da Star Proof e consente all’utente di importare le curve di calibrazione con informazioni sul dot gain e tinta dell’inchiostro.
4) Libreria colore – MaxPro/MaxColor consente all’utente di importare diverse librerie colore da utilizzare nella conversione colore e per l’anteprima a schermo.
I colori spot personalizzati come quelli creati da tirelle o diversi materiali possono essere altresì importati per consentire una migliore resa colore a schermo.   
Anche l’opzione Silver Metallic Pro è stata selezionata nella categoria delle innovazioni per la prestampa. Silver Metallic Pro è un’opzione di MaxPro sviluppata per produrre automaticamente le separazioni del bianco per la stampa su supporti metallizzati in flexo, offset o rotocalco oppure per realizzare la separazione per inchiostri coprenti metallizzati. Dopo che le immagini sono state convertite la funzione di anteprima Metallic View consente all’utente di controllare i risultati sullo schermo tramite la regolazione dell’intensità di riflessione l’angolo di illuminazione per simulare l’effetto delle combinazioni di inchiostro e supporto.

Apprendiamo intanto che MaxPro/MaxColor ha anche vinto il primo premio nella sezione innovazioni per la prestampa dei Flexotech awards 2011.

Maggiori informazioni : Stefano d’Andrea sdandrea@acus.it

Steve Donegan info@graphicrepublik.com www.graphicrepublik.com

Lascia un commento