La KBA RotaJET pronta per il mercato

Scritto da il 22 febbraio 2013 in Pre&Stampa, TECNICHE - Nessun commento

Per Koenig & Bauer AG (KBA) la presenza agli Hunkeler Innovationdays di Lucerna è stata una novità: e la presentazione della rotativa a getto d’inchiostro RotaJET 76 perfezionata in diversi punti rispetto a quella presentata a drupa 2012 e oggi pronta per il mercato, ha suscitato molto interesse tra i visitatori.

Parliamoci chiaro: la qualità di stampa del prototipo della KBA RotaJET vista a Düsseldorf  non aveva ancora convinto del tutto, com spesso se non sempre accade quando una nuova macchina viene presentata prima del tempo per i tempi imposti dalle fiere. Quindi, dopo drupa, gli ingegneri di KBA hanno provveduto a perfezionare l’alimentazione di inchiostro e il sistema di inchiostrazione, lo screening e la gestione del colore.
Ed è stata anche la stretta e intensa collaborazione con primi potenziali utilizzatori dei diversi segmenti di mercato che ha permesso di perfezionare questa macchina per la stampa digitale ad alta velocità. Ora, a Lucerna, la KBA RotaJET ha dimostrato dal vivo di aver più che colmato le distanze rispetto a macchine simili come hanno riconosciuto i visitatori, che hanno messo a confronto la qualità di stampa di KBA con quella di altri fornitori di stampa digitale con ordini propri. Un nuovo forno di essiccazione IR/TL ancora più efficiente e un riavvolgitore , entrambi sviluppati in KBA, integrati nella RotaJET di Lucerna aumentano la performance.

Nuovo inchiostro a pigmenti a base polimerica

Interesse intorno alla KBA RotaJET76

Interesse intorno alla KBA RotaJET76

Un contributo importante al miglioramento della qualità di stampa è il nuovo inchiostro a pigmenti a base polimerica RotaColor.
Rispetto agli inchiostri tradizionali, questo inchiostro riduce nettamente l’effetto capillare (infiltrazione di pigmenti nella carta), come dimostrano la precisione di stampa e il minimale assorbimento. KBA è il primo fornitore a utilizzare questo innovativo inchiostro polimerico in un sistema a getto d’inchiostro high volume. Il nuovo inchiostro estende la gamma di carte non trattate stampabili e, secondo gli esperti di KBA, offre un notevole potenziale futuro per ulteriori incrementi della qualità e riduzioni dei costi. KBA lo ha dimostrato in occasione degli Hunkeler Innovationdays in diverse produzioni. Il responsabile di progetto Oliver Baar è soddisfatto per aver mantenuto le promesse fatte a drupa. «Oggi la KBA RotaJET – ha detto – può essere utilizzata benissimo per la produzione quotidiana

Meccanica di precisione

I vantaggi cruciali della RotaJET 76  sono, secondo KBA, la meccanica di precisione e l’esatta conduzione del nastro grazie anche a una messa a registro dei colori, di stampa in bianca e  in volta ad alta precisione. La possibilità di stampa anche durante l’avvio e lo spegnimento della macchina riduce ulteriormente la produzione di scarti. Secondo il direttore del marketing KBA Klaus Schmidt: «Per la RotaJET ci siamo affidati al nostro stesso know-how consolidato in materia di meccanica e tecnica di stampa invece di rivisitare uno dei tanti prodotti OEM del mercato. I clienti di KBA si aspettano una macchina da stampa capace di rispondere alle loro elevate esigenze pratiche e di fare il proprio lavoro con affidabilità, precisione e massima disponibilità anche a pieno ritmo».

KBA RotaJET76 dal lato inserimento carta

KBA RotaJET76 dal lato inserimento carta

Quale produttore leader di macchine da stampa, KBA continuerà a lavorare sulla qualità di stampa e sulla flessibilità in termini di supporti avvicinando il più possibile le possibilità della stampa a getto d’inchiostro ad alta velocità a quelle della stampa offset. L’obiettivo nel medio termine è la massima flessibilità per gli utilizzatori affinché con la RotaJET 76 possano rivolgersi non unicamente a un mercato limitato, ma coprire l’intera gamma di produzione odierna. Per questo ci si è concentrati sulla riduzione dei costi di processo, sul mantenimento della piena variabilità dei contenuti delle pagine  e sulla flessibilità di formato. «Le eccellenti caratteristiche nel loro complesso – aggiunge Klaus Schmidt – rendono la RotaJET assolutamente attraente per tantissime applicazioni anche rispetto ai sistemi da foglio analogici e digitali.»

Opzioni interessanti

Tra le proprietà di un sistema di stampa digitale per i professionisti rientra la disponibilità di un impianto di riumidificazione e di un gruppo di verniciatura. Il cambiabobine automatico KBA Pastoline, inoltre, è un’opzione interessante che altre case costruttrici non possono offrire. Grazie al cambio al volo, l’incollatrice automatica consente di ottenere un notevole aumento della performance e può anche essere integrata in una logistica della carta automatizzata con il KBA Patras. La stampa a getto d’inchiostro ad alta velocità con la RotaJET raggiunge quindi livelli di produttività finora sconosciuti.

KBA non era propriamente soddisfatta del ristretto spazio a disposizione durante agli Hunkeler Innovationdays. Essendo un nuovo arrivato, per il suo impianto high speed di 25 tonnellate (3.000 stampe A4/min; 85 milioni di stampe A4/mese) al costruttore era stata assegnata un’area di soli 91 m². Sebbene la RotaJET fosse l’impianto più produttivo esposto a Lucerna, proprio il ristretto spazio disponibile ha dato l’opportunità di dimostrarne l’eccezionale compattezza. Grazie all’intelligente conduzione del nastro, l’impianto con riavvolgitore misura solo 10,5 metri in lunghezza e 6 in larghezza. Altre macchine 4/4C della stessa classe di potenza non avrebbero potuto essere installate su un’area così piccola.

Applicazioni

Con il suo ingresso nella stampa digitale, KBA intende come prima cosa concentrarsi sui mercati target di libri, direct mail, manuali, pubblicità, newsletter e giornali. Le applicazioni per libri dimostrate dal vivo a Lucerna e un giornale della fiera su base giornaliera con contenuto originale del “Neue Luzerner Zeitung” sono stati solo alcune delle attrazioni della fiera. Le sezioni di libri lavorate da bobina a bobina sulla RotaJET sono state trasformate in libri finiti aggiungendo copertine prestampate in offset sulla linea Hunkeler. Anche per la finitura del giornale della fiera si è adottata la tecnica post-stampa di Hunkeler.
I segmenti di mercato dei packaging e delle carte valori – una delle specialità di KBA – verranno presi in considerazione più avanti.
Con la RotaJET invece KBA non intende indirizzarsi al mercato del transazionale e del transpromo nato dal mondo dell’EDP.
KBA assiste le aziende  interessate a entrare nel mondo della stampa digitale nelle decisioni di investimento con calcoli del break-even point o analisi della finestra temporale.

Lascia un commento