Corsi & Ricorsi…

Scritto da il 12 marzo 2013 in EDITORIALI - 1 Commento

Riceviamo dal nostro amico ‘esperto’ VEM, questo interessante articolo, che pubblichiamo, pur condividendone solo al 90% le tesi. In fondo potete leggere il commento dell’editore. Altro commenti saranno i benvenuti (libertà di stampa!).

di Vittorio E. Malvezzi

‘Sta volta la politica, una certa politica, se la prende con la nostra filiera. Stampa e informazione. Non è cosa nuova e altre coincidenze mi hanno colpito e voglio guardarle insieme a te, tenendo presente il vecchio e saggio Giobatta Vico con i suoi Corsi e Ricorsi della Storia. Oggi diremmo: ogni tanto tornano!
Una base della mia cultura sono i serial polizieschi d’oltre oceano, non quelli italici e il motivo è presto detto. NCIS, Closer, FiveO et similia hanno personaggi che parlano un perfetto italiano. Al contrario i serial nostrani hanno umani che si esprimono con suoni decisamente condizionati da pesanti cadenze dialettali. In mancanza di adeguati sottotitoli, la fatica e il fastidio mi impediscono di seguirli.
Ma non divaghiamo: tutti loro dicono concordi che le coincidenze quando sono più di due, diventano sospette.
Cominciamo con l’ambiente: le sorti degli umani se non determinate, vengono facilitate o innescate dal verificarsi di occasioni adeguate. Così Mussolini trova un terreno fertile nel malcontento generato dalle condizioni economiche disastrate dalla Grande Guerra.
È opinione indiscussa che la Grande Crisi Finanziaria mondiale, abbia avuto un effetto dirompente ben maggiore di una guerra, anche perché è venuto a mancare l’effetto di stimolo all’economia, proprio di un evento bellico. Mussolini trova gioco facile a proporre soluzioni da uomo forte, confrontandosi con un Parlamento disastrato. Non credo che oggi neppure i partecipanti alle due Camere si azzardino a negare la stessa situazione attuale. 

E adesso guardiamo a Lui, il fenomeno Italico Tsunami, il fustigatore dei comunicatori non facenti parte della sua squadra: Grillo Giuseppe Piero, in arte Beppe. Intendiamoci: lungi da me tentare una equazione Beppe= Benito.
Sto solo esaminando delle coincidenze, come ti avevo anticipato. Seguimi, ti metto prima l’asserto del cupo ventennio e poi le nequizie attuali.
1. Marcia su Roma = Marcia sul Parlamento Il 28 ottobre 1922, alcune decine di migliaia di militanti fascisti si diressero sulla capitale rivendicando dal sovrano la guida politica del Regno d’Italia e minacciando, in caso contrario, la presa del potere con la violenza. (da Wikipedia) = Una marcia pacifica per muovere sulle Camere dopo l’exploit incassato alle ultime elezioni politiche. 15 marzo 2013 (dal Giornale)
2. Il Duce ha Sempre Ragione = i Deviazionisti vengono esclusi. Chi indulge al richiamo delle sirene TV viene bollato. Giovanni Favia, espulso nei mesi scorsi da Beppe Grillo e poi candidato alle politiche con la lista Rivoluzione civile.
3.
Campagna del Grano a torso nudo = Stretto di Messina a nuoto. Il Duce lo trovi qui su Youtube http://www.youtube.com/watch?v=sgNAMGofQPk e il Nostro invece qui su TG4 http://tg24.sky.it/tg24/politica/2012/10/10/beppe_grillo_traversata_nuoto_stretto_messina_elezioni_sicilia.html
4.
Dio Stramaledica gli Inglesi (Eco, Petacco) = Vaffa’ alle agenzie di rating, all’Europa…
5. Con la libertà di stampa i giornali pubblicano solo ciò che vogliono veder stampato le grandi industrie o le banche, le quali pagano il giornale (Wikiquote) = La libertà di stampa è minacciata dalla miseria in cui vivono e lavorano migliaia di giornalisti sfruttati (http://www.beppegrillo.it/2012/09/la_liberta_di_stampa_e_precaria.html )5.
6.
O ci daranno il governo o lo prenderemo calando a Roma” = Apriremo il Parlamento come una scatoletta.
7. Complotti demo-giudo-pluto-massonici = complotti di Agenzie di Rating + giornalisti + TV + politici + finanza internazionale + banchieri + …
8. Fascista Franchezza era il rude linguaggio proprio del buon fascista = chi scrive i testi del signor Beppe usa un linguaggio volutamente brusco e scurrile9.
9. Se Avanzo Seguitemi, Se Indietreggio Uccidetemi = Nessuno Deve Restare Indietro
10. Manganello & Olio di Ricino = Calcinculo – è la comune strategia per trattare con chi non condivida le proprie idee
11. Autarchia (http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/A/autarchia.shtml ) = fuori dall’Euro – cioè facciamo per conto nostro, cioè Autarchia. Una strategia che per molti anni ha portato a identificare i prodotti di prima qualità come “roba di prima della guerra”.
12. VelineMinCulPop (Ministero della Cultura Popolare, addetto all’informazione che girava ai giornali a mezzo di comunicati ufficiali, detti Veline) = “Visto che i giornali continuano a scrivere quotidianamente balle sul Movimento5Stelle, ho deciso di fare questo (blog)…”, cioè vi dico io come girano le cose.
Puoi divertirti a cercarne altre di coincidenze, ma una cosa è certa: nessuno potrà mai accusare Grillo di assomigliare al Duce. Con tutto quel pelo in testa…

Caro Vittorio tu hai ragione a vedere queste ‘coincidenze’ facendone un decalogo che molti lettori potranno condividere. E su molti punti non posso che essere d’accordo. C’è però una cosa che purtroppo sfugge ai commentatori e, soprattutto, a che ci ha governato (male) per diversi lustri: che la partitocrazia ha fallito e che i governanti, politici o tecnici che fossero, non hanno saputo conquistare la fiducia dei cittadini. Diciamo che ‘se la sono voluta’. E sì che hanno avuto il tempo per frenare l’onda prima che diventasse uno tsunami. Ma non l’hanno fatto. Perché? Incapacità, inettitudine e non piuttosto perché “tanto gli italiani sono stupidi” ai quali basta far vedere tanto calcio (ammorbato pure quello) e tanti fornelli per tenerli buoni?
Informato dall’editore di questo commento, l’amico Vittorio risponde di concordare al 101% aggiungendo che “chi semina vento, raccoglie tempesta” o, se preferiamo, “chi del suo mal è causa, pianga a se stesso“.

 

1 Commento on "Corsi & Ricorsi…"

  1. Fabrizio Minunni 13 marzo 2013 alle 10:17 · Rispondi

    Concordo pienamente sia sul confronto storico che sull’analisi finale.
    Sempre, qualsiasi grande cambiamento accade perché va a riempire i vuoti che si sono creati…..
    Quindi, in questo caso, concordo che la politica ha perso contatto con la realtà di tutti i giorni, che vistasi abbandonata, ha scelto chi le dava retta….. solo che lo fa in quel modo e con quelle motivazioni!

    Grazie degli spunti

    Fabrizio

Lascia un commento