Stampa 3D: e lo stampatore diventa cuoco

Scritto da il 17 gennaio 2014 in 3 D PRINTING - 2 Commenti

Prossimamente sul mercato due stampanti che usano zucchero e acqua al posto degli inchiostri per fare dolci digitali.Ma ci sono anche la pizza e i ravioli.

Alla fiera CES 2014, 3D Systems ha introdotto due stampanti 3D in grado di “stampare” torte gelato e fondant di zucchero, chiamandole proprio ChefJet e ChefJet Pro.

La stampante ChefJet

La stampante ChefJet

Il sistema di stampa comprende un apposito software Digital Cookbook, che permette a cuochi e pasticceri di preparare dolci sul momento, anche personalizzati, risparmiando molto tempo in cucina e senza doverli preventivamente preparare.
La ChefJet avrà un prezzo sul mercato inferiore ai 5000 $ e sarà commercializzata nel terzo trimestre del 2014. La stampante ChefJet Pro sarà in grado di ‘stampare’ dolci a colori e avrà un prezzo contenuto entro i 10.000 dollari e potrà stampare volumi più grandi fino a 10x14x8 pollici.
Gli “inchiostri” usati con queste stampanti da cucina sono principalmente zucchero e cioccolato. Per esempio,per stampare torte gelato, il dispositivo prima stampa un sottile strato di zucchero e quindi aggiunge acqua (che funge da collante) con un normale ugello inkjet. Dopo di che viene applicato un successivo strato di zucchero.
Secondo 3D Systems saranno disponibili diversi gusti, compreso cioccolato, vaniglia, menta, mela acerba, ciliegia e anguria.

Dai gelati alla pizza

Foodini la stampante per pizza e ravioli

Foodini la stampante per pizza e ravioli

Del resto la stampa culinaria non è più una novità: Natural Machines ha sviluppato Foodini una macchina che stampa pizza e altri prodotti simili, a strati.
In questo caso il prodotto stampato viene poi cotto in forno.
Poiché il tutto è comandato da un software, l’utente non deve far altro che indicare sullo schermo il tipo di pizza, pasta o persino hamburger desiderato e la macchina seleziona gli ingredienti, che sono incapsulati nella macchina (un po’ come i distributori automatici), cercando di abbinare gli ingredienti in maniera opportuna.
Secondo Natural Machines, la stampante Foodini può anche stampare ravioli, con uno strato di pasta, seguito da strati di ripieno e quindi un altro strato di pasta per la chiusura.
Buon appetito.

 

2 Commenti on "Stampa 3D: e lo stampatore diventa cuoco"

  1. https://sluchajstary.wordpress.com/ 16 maggio 2015 alle 18:41 · Rispondi

    I’m excited to find this site. I need to to thank you for your time due to this wonderful read!!
    I definitely really liked every bit of it and i
    also have you book-marked to see new information on your site.

Trackbacks per questo articoli

  1. Beppe Grillo al #CES2015 di Las Vegas | NUTesla | The Informant

Lascia un commento