Questa grande mostra – La memoria della guerra. Antonio G. Santagata e la pittura murale del Novecento – a cura di Matteo Fochessati e Gianni Franzone, con la direzione di Luca Leoncini, a Genova.

Nell’ambito delle rimembranze del centenario dalla fine della Prima Guerra Mondiale, le opere di Antonio Santagata (Genova 1888 – Recco 1985) sono esposte fino al 8 settembre 2019, in una grande mostra inaugurata lo scorso 19 aprile al Palazzo Balbi-Durazzzo di Genova (Palazzo Reale) Teatro del Falcone.

Antonio G. Santagata I fumatori

Antonio G. Santagata – I fumatori da La Battaglia del Piave. Cartone per l’affresco nella Corte delle Vittorie, Casa Madre dei Mutilati, Roma, 1936 circa,  carboncino su carta da spolvero, cm 177 x 240 – Collezione Marcello Cambi, Genova

Antonio G. Santagata

Antonio G. Santagata – Trasporto del ferito da Assalto. Cartone per l’affresco nel Salone delle Adunate, Casa Madre dei Mutilati, Roma, 1928 circa
carboncino su carta da spolvero, cm 198 x 250 – Collezione Marcello Cambi, Genova

Partito volontario, Santagata combatté in prima linea sul fronte carsico rimanendo gravemente ferito al volto, alla mascella e al braccio destro. Sono le testimonianze vive della storia della Prima Guerra mondiale, dell’Artista, che fu coinvolto nella decorazione delle principali case del Mutilato edificate in quegli anni in tutta la Penisola.
Ricorre nel frattempo l’anniversario della fondazione dell’Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra di cui fu presidente il grande mutilato Carlo Delcroix.

Antonio G. Santagata Carlo Delcroix

Antonio G. Santagata – Carlo Delcroix, 1925
olio su tela, cm 60 x 50 – Collezione privata, courtesy Galleria Arte Casa, Genova

Antonio Santagata, artista, fu protagonista della grande stagione murale che contrassegnò la ricerca artistica italiana tra le due guerre. Queste sue opere, rispondenti a un clima neoclassicista, sono caratterizzate da una forte monumentalità nella composizione.

Temo che l’unico mio merito sarà quello di essere stato l’amico del Giotto dei Soldati” (Carlo Delcroix), come cita Franco Ragazzi in inizio del suo testo “Cronache della pittura murale Antonio Giuseppe Santagata, ilGiotto dei soldati”.

Del 1928 sono gli affreschi della Casa Madre dei Mutilati a Roma. Qui Santagata celebra il sacrifico del soldato analizzando i temi della partenza, dell’assalto e del ritorno, la vita vissuta in trincea, e ci presenta le allegorie della Vittoria e dell’Audacia.
L’avvincente percorso espositivo è costruito intorno al prezioso e consistente nucleo di opere riferite ai principali interventi di pittura murale per il salone delle adunate della Casa Madre dei Mutilati di Roma (1928) e presenti nelle due più preziose e documentate collezioni internazionali su Santagata, quella di Mitchell Wolfson Jr, donata nel 2007 alla Fondazione regionale per la cultura e lo Spettacolo presente presso la Wolfsoniana, il museo inaugurato nel 2005 nell’ambito del polo artistico di Genova-Nervi e quella di Marcello Cambi, unitamente ad alcune opere provenienti da collezioni private genovesi.

Gian Carlo Torre

Immagine accanto al titolo:  Antonio G. Santagata – Assalto. Bozzetto per la lunetta nel Salone delle Adunate, Casa Madre dei Mutilati, Roma, 1928 circa – olio su tela, cm 126 x 251 – A.N.M.I.G., Genova

Orari: martedì – domenica, 14.00 – 19.00. Le mattine dei giorni feriali, su prenotazione, per scuole, gruppi e visite guidate. Biglietti : 5 Euro biglietto mostra; gratuito fino a 18 anni. 8 Euro intero (con ingresso al Museo di Palazzo Reale) 4 Euro ridotto ( con ingresso al Museo di Palazzo Reale) I biglietti da 8 Euro e da 4 Euro danno accesso al Museo di Palazzo Reale nei seguenti giorni ed orari: martedì e venerdì 9.00/ 14-00 mercoledì e giovedì 9.00 / 19.00 sabato, domenica e festivi 13.30/19.00 Info: Ufficio Promozione e Comunicazione www.Palazzorealegenova.beniculturali.it