Si è svolto lo scorso 1° giugno a Lecce il XIV congresso nazionale della Associazione Italiana Musei della Stampa e della Carta (AIMSC).

Ospitato presso il Museo della Stampa Città di Lecce, al XIV Congresso AIMSC hanno partecipato una ottantina di persone tra docenti, esperti, scrittori, editori, appassionati e soci.
Ha aperto i lavori Vincenzo Gilenardi, cui i partecipanti hanno rivolto un particolare ringraziamento per l’ospitalità e per aver trasmesso alla città la sua passione per l’arte tipografica.
Assistiti dal presidente del Museo, che ha scelto di assecondare la sua passione per la tipografia, si è stati per un giorno reali continuatori di una tradizione secolare che resiste, come si può vedere in questo video.

AIMSC Museo Lecce
Buoni segnali

Il XIV Congresso dei Musei della Stampa e della Carta ha offerto anche qualcosa di innovativo, riunendo in unica manifestazione relatori di spicco e laboratori di composizione e stampa tipografica. Un prezioso momento d’incontro, di competenze e conoscenze di settori contigui e di filiera.
Il presidente AIMSC, Giorgio Montecchi, riassume così i piacevoli momenti della giornata leccese, con la visita conviviale al Museo della Stampa “Città di Lecce”.
«Un impegno svolto con efficienza ed efficacia di cui siamo grati a Vincenzo Gilenardi, presidente del Museo e responsabile AIMSC per l’area Centro-Sud, sotto la cui guida abbiamo sperimentato la composizione a mano e la stampa del nostro personale attestato di “Tipografo per un giorno”
«I molti Libri ricevuti in dono, che andranno ad arricchire la nostra biblioteca – ha detto Gilenardi – li abbiamo interpretati come un “benvenuto” detto con calore cui abbiamo risposto consegnando dei segnalibri personalizzati dai Musei della Stampa di Lecce e di Lodi

Tra cultura e tradizione
AIMSC Convegno Lecce

Alessandro La Porta, già direttore della Biblioteca provinciale di Lecce, con il contributo dello scrittore Maurizio Nocera, ha fatto conoscere le origini della tipografia in Salento, sulla tipografia pura e l’arte della stampa, dalle sue origini al Novecento.
Teresa Specchia, restauratrice che ha sviluppato il problema degli attacchi biologici e le cause di degrado del materiale cartaceo. Tutti noi sappiamo, infatti, che la carta tende ad ingiallire e ad essere attaccata da funghi parassiti e altri batteri che la rovinano.

A seguire l’intervento di Liliana Miotto, restauratrice che ha sviluppato il tema del restauro nella Statuaria in cartapesta e delle nuove tecniche innovative di restauro, addirittura avvalendosi della Tac, come sistema diagnostico.

Comieco ha indicato nel riciclaggio di carta e cartone un esempio virtuoso di economia circolare. La mattinata si è conclusa con l’intervento di Andrea De Simeis, incisore e cartaio che, oltre ad aver partecipato al concorso internazionale di ex libris “Il Bosco Stregato”, si dedica alla produzione di carta giapponese con piante del Salento.

I lavori sono poi proseguiti con due relazioni, rispettivamente, sul Museo della Carta di Mele e sull’Antica Tipografia Portoghese di Altamura.

I Musei e la scuola

Il pomeriggio si è aperto con una testimonianze dell’attività del Museo della Stampa Città di Lecce con le scuole, e in particolare nel settore dell’inclusione di allievi diversamente abili, come hanno testimoniato alcuni insegnanti.
Problemi e prospettive sulla dimensione didattica dell’Associazione sono stati affrontati da Paola Mondinari direttrice della Fondazione Istituto Rizzoli di Milano, entrata ufficialmente a far parte dei Soci AIMSC.
Infine Mario Magagnino, docente dell’Università di Verona e presidente OMI, l’Osservatorio Monografie di Impresa, ha intrattenuto su Heritage Marketing: un vantaggio competitivo.

Il presidente AIMSC, professore Montecchi, ha infine rivolto un caloroso e immenso grazie a Giuseppe Turria e agli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Venezia che hanno consegnato la nuova tessera sociale e il libro “Parole che restano”. Lavori stampati su carta fatta a mano da Toscolano 1381, offerti ai 16 relatori e al moderatore, che hanno portato un contributo inestimabile di competenza ed esperienza. Un ringraziamento anche al main partner “Comieco”, alle Associazioni della Federazione Carta e Grafica e all’Enipg, che hanno favorito l’evento unitamente ai partner e agli sponsor per il prezioso sostegno economico, ai media che hanno dato risalto a questa nuova esperienza.