L’industria rotocalco italiana è oggi il primo esportatore mondiale. Lo ha annunciato con orgoglio la comunità che con oltre 430 iscritti ha celebrato con successo il primo evento di filiera del Gruppo Rotocalco by Acimga – che all’ultimo momento si è svolto in streaming per le note restrizioni governative.

La stampa rotocalco non è soltanto una tecnologia particolarmente versatile e di grande qualità: è anche un vanto dell’industria meccanica italiana, che lo scorso anno sì è affermata come prima esportatrice mondiale di macchine rotocalco, scavalcando Cina e Germania, Paesi che nell’ultimo lustro avevano condiviso la leadership del mercato.
Il commercio mondiale, colpito dalla pandemia, è previsto in calo a consuntivo di circa il 35% a cui seguirà (forse) un rimbalzo del +24% nel 2021. L’export italiano per il 2020 sarà in calo del 23%, con una previsione di risalita del 14% nel prossimo anno.

Roto4All Firenze sogna

L’incontro Roto4All dedicato alla rotocalco, organizzato da Acimga e previsto  a Firenze – ma trasformatosi all’ultimo momento in un evento totalmente in streaming, in attesa dell’evento dal vivo previsto per la prossima primavera all’interno della Print4All Conference 2021 – ha registrato 430 iscritti, di cui circa un quarto dall’estero.

Condotto da Matteo Bordone e aperto dal responsabile del Gruppo Rotocalco di Acimga Gianmatteo Maggioni, Roto4All ha visto il palco di Firenze Fiera diventare il fulcro della tecnologia roto con produttori, utilizzatori, specialisti del colore, docenti universitari, esperti di marketing ed esponenti delle associazioni internazionali del mondo grafico.

Come si fa il giallo ?

I responsabili di brand internazionali quali Barilla e Lindt & Sprüngli, hanno rivelato i segreti per ottenere il giallo perfetto delle confezioni Mulino Bianco, o il rosso degli incarti dei cioccolatini Lindor nelle diverse condizioni di operatività e sui diversi materiali.

Case history di successo sono state descritte da Sacchital Group e Di Mauro Group. che si sono legate a quelle di SIT Group e Goglio Spa nell’utilizzo della stampa rotocalco.

Rotocalco conviene?

I produttori di macchine da parte loro hanno esposto la loro visione per il futuro di questa tecnologia di stampa, sempre attuale nonostante il rapido susseguirsi di nuove tecnologie.
Alla domanda se la rotocalco è una tecnica costosa rispetto ad altre, ha risposto Enzo Baglieri di SDA Bocconi, che ha presentato lo studio sul Total Cost of Ownership della rotocalco, dimostrando che la tecnologia è assolutamente concorrenziale nelle dovute modalità.

Sul piano internazionale è stato apprezzato l’intervento del project manager Julian Rotter sul cromo esavalente e di Laetitia Reynaud della Policy Advisor di Integraf che ha parlato della agenda europea e come questa si applica alla rotocalco.
Non poteva mancare il consueto intervento di Elisabetta Bottazzoli, Sustainability & Circular Economy Manager, ormai sempre presente in queste occasioni, che ha mostrato come la sostenibilità abbia effetti positivi anche sulla produttività, lanciando al tempo stesso il progetto di filiera sull’economia circolare promosso dalla Federazione Carta e Grafica.

Barbara Iascone, responsabile ufficio studi dell’Istituto Italiano Imballaggio, ha chiuso la giornata illustrando trend ed evoluzione del mercato degli imballaggi accoppiati.

Logica della visione

«Abbiamo dimostrato con i fatti cosa occorre in questa fase: resilienza – ha dichiarato in chiusura Andrea Briganti, direttore di Acimga. – La nostra determinazione a svolgere comunque Roto4All è stata premiata da un risultato eccezionale. La formula virtuale ci ha permesso di continuare a lavorare: presidiamo come sistema Paese le caratteristiche peculiari di produzione, culturali, organizzative e tecniche che l’Italia ha nel mondo della rotocalco e non solo, erogando servizi alla community che le rappresentano. La nostra è una logica concentrata sulla visione, non sulla presentazione di prodotto, anche a livello di advocacy internazionale. Non a caso a questo si legano i quattro Streaming Roadshow in Turchia, Regno Unito, Egitto e Algeria per far incontrare i produttori italiani con stampatori e brand owner locali per discutere delle soluzioni offerte dal nostro sistema produttivo per tutte le tecnologie di stampa e converting su sostenibilità e industria 4.0

andrea briganti a Roto4all