Rem srl ha installato presso etichettificio Labelit la Weigang WL 340 REM Edition nel mese di ottobre, per rispondere alle esigenze del mercato enologico che è sempre alla ricerca di soluzioni accattivanti, eleganti e distintive.  Labelit Spa punta a incrementare il mercato delle etichette per vino, scrivevamo nel marzo del 2018, quando l’azienda veneta decise di completare la gamma di tecniche di stampa, con la serigrafia per dare maggior impatto alle etichette destinate al mercato del vino.

Con un parco macchine di tutto rispetto – flessografiche, offset a banda stretta e di stampa digitale – oggi Labelit Spa di Santa Maria in Sala (VE), nata verso la fine degli anni ’90 per la stampa di etichette autoadesive in carta e sleeve in materiale plastico per l’industria delle bevande e dei prodotti per la casa, inserisce una nuova macchina offset a banda stretta, per stampare e nobilitare in un unico passaggio le etichette di un mercato in espansione.

Sentiamo in proposito Marcello Busetto, titolare dell’azienda veneta.
«Lo scopo dichiarato dell’installazione di questo tipo di macchina è quello di farci conoscere meglio nel mercato del vino e già con i primi lavori si sono visti risultati incoraggianti. Attualmente un terzo della nostra produzione è destinata al settore vitivinicolo che è in crescita, ma l’obiettivo è di andare mano a mano a sostituire quei prodotti che fino a oggi costituiscono la maggioranza della produzione dell’azienda veneta, quali le etichette per il settore igienico sanitario e della detergenza, che però soffrono di una concorrenza a basso costo dall’estero perché è un mercato di etichette a basso valore aggiunto con ricarichi molto esigui.»

Labelit spa ha puntato negli ultimi anni verso la velocità nel servizio, la maggiore qualità e soprattutto l’eleganza del prodotto, grazie alle diverse tipologie di lavorazione innovative per offrire ai clienti le soluzioni che meglio rispondono alle loro esigenze.

«Per questo investiamo in macchinari all’avanguardia – aggiunge Busetto – ed per questo, che avendo necessità di incrementare la produzione, ma soprattutto per avere risultati di qualità elevata e nobilitati, ci siamo rivolti alla REM di Ettore Maretti, prendendo in considerazione la Weigang della quale abbiamo sentito parlare bene

Ettore Maretti tra Marcello Busetto e William Zacchello in Labelit

Ettore Maretti, REM, tra Marcello Busetto (a destra) e William Zacchello in Labelit

Configurazione completa

La configurazione della semirotativa offset Weigang WL 340 scelta da Labelit per rispondere alle esigenze dei clienti del comparto enologico e non solo, è composta da 6 gruppi offset, 3 gruppi serigrafici piano cilindrici, 2 gruppi per lamina a caldo e goffratura in piano. Una configurazione che permette di stampare e nobilitare ad alto livello un’etichetta in un unico passaggio anche con oro colato direttamente in linea ad alte velocità dì produzione paragonabili a una rotativa.

«Con la Weigang WL 340 – afferma William Zacchello, responsabile della produzione – ci sentiamo a nostro agio, perché è davvero una buona macchina e con il suo impiego riusciamo a essere più veloci rispetto alle altre macchine utilizzate per la stessa tipologia di lavori e riusciamo a finire i lavori con varie nobilitazioni in un unico passaggio

«L’impiego di un macchinario come la Weigang WL 340 – aggiunge – ci permette quindi di ottenere dei risultati ottimali in termini di riduzione degli scarti, riduzione dei tempi di avviamento, riduzione dei costi di impianti, eliminazione dei ripassaggi su lavori complessi e aumento delle possibilità di nobilitazioni

Attenta al progresso tecnologico, Labelit è orientata a un mercato più competitivo e più esigente, e sostenibile e già dal 2016 ha ottenuto la certificazione Catena di Custodia FSC, per garantire ai clienti l’uso di materiali provenienti da foreste certificate FSC.etichetta Labelit REM