Con il solstizio d’estate BeeGraphic festeggia 10 anni di attività nel settore nella fornitura di software e soluzioni innovative per il packaging.

Goliardo Butti e Patrizia Borgonovo ideatori di BeeGraphics

Goliardo Butti e Patrizia Borgonovo ideatori di BeeGraphic

Nata da un’idea di Goliardo Butti con Patrizia Borgonovo, BeeGraphic si è subito imposta nel settore delle etichette e del packaging, per aver introdotto nel mercato italiano soluzioni professionali innovative per la ottimizzazione della grafica.
E oggi festeggia in modo informale e in amicizia, questi suoi primi dieci anni di attività dedicati alle idee innovative nel campo del packaging.
A queste soluzioni si è aggiunta poi la tecnologia StealthCode® by BeeGraphic: la nuova frontiera nella Comunicazione e Promozione per il Customer Engagement, Brand Loyalty e gestione BigData.

Sentiamo da Goliardo Butti quali sono state le tappe di BeeGraphic in questi anni.
MetaPrintArt – Dopo l’esperienza in Esko, Kodak ecc. cosa ti ha spinto al passo verso l’iniziativa BeeGraphic?

Goliardo Butti – Innanzitutto il mio spirito di indipendenza e la volontà di offrire ai clienti le migliori soluzioni professionali che potessero soddisfare a 360° le esigenze produttive, anche delle piccole e medie imprese che difficilmente erano in grado di affrontare grandi investimenti su soluzioni proprietarie, accompagnandole nella crescita.

MPA – Come sono mutate le richieste del mercato con l’avvento delle nuove tecnologie e della digitalizzazione?

Goliardo Butti – Certo l’evoluzione digitale e tecnologica nei 10 anni si è evoluta in modo esponenziale, sarebbe impensabile proporre ora le soluzioni che apparivano innovative nel 2009.
Il segreto del nostro successo sta proprio nella grande flessibilità e nella capacità di creare sinergia, sia con il mondo produttivo, sia in quello della ricerca e sviluppo. Flessibilità e sinergia che ci hanno consentito, non solo di stare al passo con i tempi… ma spesso anche di anticiparli. È proprio questo il nostro motto.

MPA – Veniamo all’ultima iniziativa, StealthCode®, avviata, se non sbaglio in occasione di drupa 2016. Siete stati i primi a proporre questa soluzione in Europa. Una soluzione che non è si può definire Realtà Aumentata, perché?   Ce la puoi descrivere in sintesi?

Goliardo Butti – La domanda esplica perfettamente il nostro motto “Anticipare i tempi e non subirli”.
Ciò di cui tutti parlano oggi è frutto di un’intuizione e di un’esperienza lunga 3 anni. 
StealthCode® è infatti la soluzione dinamica per la comunicazione, nonché l’evoluzione dei tradizionali Barcode (EAN, UPC, GTIN, GS1…). È impercettibile all’occhio umano, ma presente sull’intera superficie del prodotto stampato. L’apposita APP consente all’utente finale di fruire di contenuti ‘costantemente aggiornabili’ . E, inoltre, la rilevazione dei Big Data da parte dei Brand e dei Retail. 
StealthCode® è quindi, a oggi, la sola soluzione completa, professionale e di produzione. Un’unica soluzione che appaga tutta la filiera dalla produzione al consumatore. E proprio come evidenzi nella tua domanda, nulla a che vedere con la Realtà Aumentata, che gioca solo sull’emozione momentanea.

MPA – Come risponde il mercato? In quali settori?

Goliardo Butti – StealthCode® è la soluzione completa adatta a tutti i mercati e per tutte le esigenze del ciclo del prodotto: produzione, magazzino, punto vendita, concorsi e promozioni, home experience, riciclo, Big Data… Insomma, l’unico limite è la fantasia. Ci vorrebbero pagine per descriverne tutte le potenzialità, cosa che facciamo parlando con i clienti. E molti, che vogliono ‘anticipare i tempi’ sono già pronti per adottare questa soluzione.

BEEGraphics 10 anni di idee

Un momento conviviale della celebrazione dei 10 anni di BeeGraphic