Dal modulo all’etichetta adesiva, dalla offset e flexo al digitale, Begraf è una piccola azienda familiare che punta al servizio personalizzato.

Begraf è una piccola azienda a Ovest di Milano che nasce all’inizio degli anni ’90 per la stampa su carta chimica. Era stata un’idea di Cesare Alemani, che metteva a frutto una lunga esperienza nel campo della stampa di modulistica aziendale. Con le proprie macchine a bobina e alcuni clienti solidi riusciva a ritagliarsi un posto in un mercato allora ancora fiorente, ma già in via di trasformazione. La modulistica commerciale stava cambiando e Alemani si era fatto un nome proponendo ai propri clienti sempre nuovi prodotti e soluzioni.
Negli anni 2000 con l’affermarsi di internet e il rapido cambiamento delle esigenze amministrative delle aziende, diversificava la propria offerta sul mercato, da un lato con nastri TTR in cera/resina per stampanti TEC o ZEBRA, certificati REACH, e dall’altro con etichette per logistica, ospedali, supermercati, aziende alimentari, entrando così nel campo dell’adesivo. Iniziava una specializzazione nel mondo delle etichette autoadesive a foglio e in bobina con macchine offset a sei colori e etichette industriali con una flessografica bicolore a banda stretta.
Una soluzione flessibile che ha permesso alla Begraf di mantenere un mercato solido anche negli anni difficili dal 2008 a oggi.

Il mercato locale richiede tempestività

Cesare e Luca Alemani davanti alla EFI Jetrion 4900

Cesare e Luca Alemani davanti alla EFI Jetrion 4900

Al mercato di riferimento tradizionale della fornitura di modulistica per le aziende, in piano o in continuo, di carta chimica (autoricalcante), blocchi, ricevute fiscali Begraf affianca così le etichette e la fornitura di stampati per i supermercati, caratterizzata da ordini dell’ultimo minuto per far fronte alle offerte del giorno o della settimana. Questo rende sempre più necessario ampliare le possibilità di offerta a una clientela che chiede tirature corte, etichette a dati variabili, ampia disponibilità di supporti e consegne rapide.

Con l’ingresso in azienda del figlio Luca, Begraf ha potuto guardare con fiducia anche alle nuove possibilità offerte dalla stampa digitale a rotolo.
Luca Alemani, ha quindi messo in pratica la sua laurea in ingegneria (sia pur con una tesi sugli aerei da combattimento), per analizzare con competenza le diverse soluzioni presenti sul mercato, cercando il giusto equilibrio tra la qualità della stampa, la robustezza della macchina e, non ultimo, il rendimento in termini di costo copia.

Luca Alemani è molto inpegnato a sperimentare con la EFI Jetrion 4900

Luca Alemani è molto inpegnato a sperimentare con la EFI Jetrion 4900

La scelta per il nuovo investimento è quindi andata alla EFI per la Jetrion 4900, una macchina digitale per la stampa industriale a banda stretta con inchiostri UV.
«Avevamo molte alternative, anche a costi inferiori – ci dice Luca Alemani – per cui abbiamo dovuto analizzare con cura i diversi aspetti delle macchine
Tra i sistemi di stampa si è optato per il getto d’inchiostro, perché offre la possibilità di usare inchiostri UV che offrono una ampia gamma di finiture su ogni tipo di supporto.
«Se anche il core business è quello delle etichette, a noi piace sperimentare – ci dice Luca. Possiamo infatti proporre la stampa di etichette non solo su carta, ma anche su polietilene. In più con il bianco coprente come primo gruppo stampa, possiamo proporre etichette su supporto non solo trasparente, ma anche metallizzato.»
La EFI Jetrion 4900 è in azienda da soli due mesi, ma già Luca ha trovato diverse soluzioni interessanti grazie alla continua sperimentazione: «Quando non abbiamo una richiesta urgente, mi diverto a sperimentare, perché questa macchina la trovo molto flessibile. Mi permette persino di stampare volantini

Con la EFI Jetrion 4900 si stampano non solo etichette e film per packaging, ma anche volantini in tempo reale

Con la EFI Jetrion 4900 si stampano non solo etichette e film per packaging, ma anche volantini in tempo reale

L’asciugatura degli inchiostri avviene mediante un modulo LED dopo il gruppo stampa del bianco e con una lampada UV in uscita, prima della fustellatura. Un altro vantaggio che ha trovato nella Jetrion 4900 è la sua compattezza: «Non avevamo molto spazio a disposizione, ma sappiamo che se il lavoro crescerà come pensiamo, potremo sempre aggiungere altri gruppi stampa, oltre alla fustella laser che abbiamo già programmato.» Infatti come le altre macchine digitali EFI, la Jetrion 4900 è un sistema scalabile, che può essere quindi implementato nel tempo secondo la crescita aziendale.
«Ma ci sono altre due ragioni per cui ci siamo affidati con fiducia alla EFI : – conclude Luca Alemani – la prima è che la sua specialità è il front end per la gestione della macchina; la seconda, per noi molto importante, è il distributore italiano, Fornietic, a cui ci affidiamo da anni per i consumabili. Un’azienda seria e competente, che tratta il cliente come un partner con cui crescere insieme

Il funzionamento della Jetrion 4900 è illustrato in questo video.