Uno dei tipi di imballaggio più comunemente usato al mondo, il blister, d’ora in poi potrà essere realizzato con il solo cartoncino, riducendo l’impatto ambientale, la difficoltà del consumatore e i piccoli infortuni.

Il blister senza plastica con solo cartone è una realtà

I blister sono stati pensati per essere appesi a un supporto nei negozi al dettaglio, e sono per lo più costituiti da una base in cartoncino sulla quale viene saldata una vaschetta sagomata in plastica trasparente per meglio esporre il prodotto al consumatore.
Cefapac, progettato ingegnosamente dalla cartotecnica norvegese Moltzau, migliora sia le prestazioni ambientali dell’imballaggio che l’apertura dello stesso, e si è già aggiudicato alcuni premi.
«Il nostro lavoro di ricerca e sviluppo ha avuto come punti di partenza l’impatto ambientale e la facilità di apertura – spiega Eirik Faukland, veterano dell’imballaggio, Responsabile Ricerca e Sviluppo di Moltzau. – Per risolvere l’ormai noto problema della difficoltà di apertura dei blister in plastica, si è pensato di sostituire tale materiale con il cartoncino. Ciò che rende unico Cefapac è l’aver rimpiazzato le tradizionali cordonature con microforature, che garantiscono una migliore apertura del blister
La scelta del cartoncino da utilizzare è tuttavia decisiva, dal momento che la sostituzione delle cordonature con le microforature può compromettere la protezione del contenuto dell’imballaggio.
«L’eccellente resistenza allo strappo del cartoncino Invercote è necessaria per una buona qualità del blister, – commenta Faukland. – La sua resistenza e le sue prestazioni nelle fasi di trasformazione e di riempimento sono determinanti
Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal fatto che, nelle confezioni prodotte fino a questo momento da Moltzau, le microforature hanno consentito al cliente di aumentare la velocità delle linee di riempimento, aumento non riscontrabile usando fustellati cordonati.
Attualmente Swix, leader mondiale nella produzione di sciolina, sta imballando alcune delle sue cere nel Cefapac e ha intenzione di allargare la sperimentazione. Anche farmaci da banco e prodotti di medicazione ormai sul mercato utilizzano Cefapac. Nell’autunno 2015 si è aggiudicato lo Scanstar, premio speciale del packaging scandinavo, e nel 2017 gli è stato conferito il WorldStar award dalla World Packaging Organisation.
Come suo creatore, Eirik Faukland, è stato encomiato dai rappresentanti delle Società di Reumatologia svedesi e norvegesi, portavoce dei bisogni dei malati reumatici. Le associazioni incoraggiano attivamente l’industria del packaging perché realizzi imballaggi di facile apertura.